Al Museo Novecento la mostra “Leoncillo. L’antico”


Museo Novecento inaugura la mostra Leoncillo. L’antico (3 dicembre 2021 – 1 maggio 2022), il nuovo appuntamento dedicato ai grandi maestri italiani del XX secolo

Al Museo Novecento la mostra "Leoncillo. L’antico"

Museo Novecento presenta al pubblico la mostra Leoncillo. L’antico (3 dicembre 2021 – 1 maggio 2022), il nuovo appuntamento dedicato ai grandi maestri italiani del XX secolo che intende mettere in luce l’interesse del grande scultore umbro (Spoleto, 1915 – Roma, 1968) per l’antico, rileggendo le sue creazioni plastiche alla luce del rapporto con la grande arte del passato. Concepita come un vero e proprio ‘assolo’, la mostra è la prima in un museo italiano dedicata a indagare i profondi rapporti che Leoncillo (Leoncillo Leonardi) ha intrattenuto con l’antico, arcaico e classico, oltre che con i grandi maestri del rinascimento e del barocco, lungo tutto l’arco della sua trentennale attività (1938-1968).

Come in precedenti occasioni viene consolidato il rapporto di collaborazione con altri musei e istituzioni fiorentine. Una delle più celebri opere di Leoncillo sarà, infatti, esposta al Museo Archeologico Nazionale di Firenze a sottolineare la continuità di un dialogo fecondo tra arte contemporanea e passato, in questo caso con l’espressione artistica degli antichi etruschi, le cui creazioni impressionarono Leoncillo per la loro profonda comprensione dei sentimenti umani sospesi tra amore e morte, vita e aldilà.

Ph credits:  -Leoncillo primi anni ’60. Courtesy Galleria dello Scudo, Verona.

Museo Novecento
Piazza Santa Maria Novella 10, Firenze

Orario estivo
Lun – Mar – Merc – Ven – Sab – Dom | 11:00 – 21:00
Giov | chiuso
Ultimo ingresso un’ora prima della chiusura

Gli ingressi sono contingentati e si possono prenotare online contestualmente all’acquisto dei biglietti sul sito bigliettimusei.comune.fi.it, scrivendo a [email protected], oppure telefonando allo 0552768224.

Dal 6 agosto 2021 per accedere al Museo Novecento è necessario presentare la certificazione verde Covid-19 (Green Pass) e un documento di identità. Maggiori info qui