A Faenza la magia dei fischietti d’autore con le “Ceramiche sonore”


Appuntamento sabato 4 novembre 2017 alle ore 16:30, presso la Bottega Bertaccini

fischietti d'autore ceramiche sonore faenza
La mostra rimarrà aperta fino al 2 dicembre 2017

FAENZA – A distanza di due anni torna a Faenza, dal 4 novembre al 2 dicembre 2017, con una nuova edizione, l’evento espositivo “Ceramiche sonore / Fischietti d’Autore”.

Saranno gli spazi della Bottega Bertaccini ad accogliere la serie di deliziose sculture realizzate da ben otto artisti esperti di questa arte antica. Ad esporre saranno Riccardo Biavati, Giovanni Cimatti, Tiziana Grandi, Guglielmo Marthyn, Elena Modelli, Martha Pachon Rodriguez, Roberta Padovani, Fabiano Sportelli. La presentazione dell’evento è affidata a Maria Grazia Morganti.

“Anche per questa seconda edizione – affermano gli organizzatori della simpatica mostra -, abbiamo invitato alcuni ceramisti ad esprimersi con la propria tecnica e il proprio linguaggio. Autori che vengono da varie parti d’Italia e anche dall’estero, Faenza e circondario, ovviamente, ma anche Imola, Vignola, Ferrara, Castellamonte e Vienna, e che hanno accettato la nostra sfida a mettersi in gioco, in tutti i sensi, realizzando pezzi unici di ceramiche sonore”.

In questa mostra il fischietto in ceramica viene riproposto rinnovato nei materiali, nelle forme, nei colori, tuttavia, rimane un oggetto magico, poetico, un po’ misterioso, a volte grottesco o comico, oppure leggero come l’aria che lo fa vivere. Certamente un oggetto di festa e di buon augurio. Il fischietto è, infatti, uno dei primi, se non il primo in assoluto, oggetto sonoro nella storia dell’uomo.

La sua origine si perde nella notte dei tempi, lo si trova nelle civiltà più remote, in forme di animali e umane, realizzato plasmando l’argilla, come fu per Adamo, e cotto nel fuoco dei forni. Inventati, forse, per imitare la voce degli uccelli, per rappresentare con il loro lieve soffio lo spirito della vita, diventano, con il tempo, oggetti scaramantici atti ad allontanare gli spiriti cattivi, oppure usati come difesa dai contadini contro i predatori di coltivazioni, fino a diventare gioco dei bambini oppure a suggellare un pegno d’amore. Il fischietto è dunque uno strumento magico, ricco di simboli, che affonda le proprie radici nell’antropologia culturale e nel mondo delle tradizioni popolari.

Fino a trenta-quaranta anni fa, i fischietti in terracotta si potevano trovare ancora sui banchi delle fiere e delle feste popolari, poi, man mano, sono stati soppiantati da quelli di latta oppure di plastica. Un motivo in più per non lasciar morire questa pratica artistica, simbolo di festa e di gioia.

Fischietti d’autore: le info utili

La mostra rimarrà aperta fino al 2 dicembre 2017.

Orari: 9,30-12,30 / 15,30-19,30 (chiuso domenica e lunedì mattina)

Bottega Bertaccini – Libri e Arte
Corso Garibaldi, 4
48018 Faenza (RA)
tel. 0546-681712
[email protected]

MARILENA SPATARO

Marilena Spataro è giornalista freelance. Nata in provincia di Reggio Calabria, attualmente vive e lavora tra Bologna e la Romagna. Collabora con testate di arte e cultura. Ha diretto una rivista di ecologia e benessere e lavorato presso case editrici di livello nazionale. Svolge anche attività di addetto stampa/PR/organizzazione di eventi