Vertenza Almaviva, niente lodo: confronto al Mise continua


Nel pomeriggio nuovo tavolo al Ministero dello Sviluppo Economico

Vertenza Almaviva: il Governo ha giocato la carta del lodo non negoziabile

ROMA – Sono ore cruciali per la sorte dei 2511 dipendenti Almaviva dei siti di Roma e Napoli che rischiano il posto di lavoro. La trattativa tra Ministero dello Sviluppo Economico, parti sociali e azienda proseguirà a oltranza anche oggi e l’obiettivo è trovare una soluzione in extremis.

Se non sarà raggiunto un accordo tra le parti domani potrebbero partite le lettere di licenziamento per i 2511 dipendenti. Gli esuberi erano stati annunciati da Almaviva che ha intenzione di chiudere i centri di Roma e Napoli.

Ieri era spuntata anche l’ipotesi di un lodo non negoziabile ma la proposta del Governo è caduta nel vuoto. Le organizzazioni sindacali l’hanno ritenuta irricevibile. Impossibile prendere una decisione senza prima consultare gli iscritti e che di fatto avrebbe “commissariato” i sindacati.

Dall’azienda è arrivato invece un sì condizionato al lodo non negoziabile. Condizionato perché, come si legge in una nota di Almaviva, «gli amministratori dell’Azienda – sulla base delle indicazioni vincolanti già ottenute dal consiglio di amministrazione sul tema della ristrutturazione in corso – valuteranno i contenuti di tale lodo tenendo conto dell’esigenza imprescindibile di garantire la continuità economica aziendale».

Risultato: il lodo non negoziabile sembra scomparso dai radar e oggi alle 14 riprenderà il confronto al Ministero.

La viceministro Teresa Bellanova stamani ha affermato che Mise e il Governo hanno provato a portare le parti a confrontarsi sul merito.

«Il lodo significa che il Governo avanza una proposta con possibilità di sintesi tra le parti. Siamo con un piede e mezzo nel baratro: queste persone aspettano una risposta e non chiacchiere» ha aggiunto Bellanova a Radio Rai.

La viceministro ha concluso augurandosi che la trattativa possa decollare. «Siamo in attesa di sapere se le parti hanno fatto qualche passo avanti» ha aggiunto.

  • Giacomo

    Ma la Bellanova se ci fossero stati figli suoi che avrebbe fatto? E’ un governo senza speranze per migliaia di persone che si dovessero trovare nella stessa situazione. E i sindacati? Te li raccomando, non ci sono piu’ i Lama, cioè quella specie di sindacalisti ormai estinti. Ahime’ povera Italia

    • Corriere Nazionale

      Tranquillo nessun complotto, ci era solo sfuggito il commento 🙂