Stagione al via al Teatro Comunale di Ferrara


Teatro Comunale di Ferrara: 14 gli spettacoli in cartellone e 42 repliche nella nuova stagione che prenderà il via il 13 ottobre

Teatro Comunale di Ferrara: 14 gli spettacoli in cartellone e 42 repliche nella nuova stagione che prenderà il via il 13 ottobre

Sono 14 gli spettacoli che dal 13 ottobre all’8 maggio arricchiranno la Stagione di Prosa del Teatro Comunale di Ferrara Claudio Abbado, con 42 repliche, di cui 4 date dedicate esclusivamente alle scuole. E, oltre agli spettacoli, quest’anno, si uniranno anche momenti di approfondimento e 12 appuntamenti di incontro con i protagonisti. Riparte in grande la stagione del Teatro Comunale di Ferrara, che affronterà tutti i sentimenti dell’animo umano, con un cartellone a tratti più leggero e umoristico, altre volte più paradossale e drammatico.

È una stagione all’insegna della rinascita, del rilancio, che guarda al futuro dando chiavi interpretative sul presente attraverso l’arte del teatro. Musica, letteratura, teatro diventano un conforto dopo quasi due anni di clausura e distanza dall’arte vissuta insieme, quell’energia vitale fatta di risate e di applausi, di commozione e tensione, che solo lo “stare in presenza” può restituire. Per questo la Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, sotto la presidenza di Michele Placido e la direzione generale di Moni Ovadia, la direzione artistica di Marcello Corvino con il sostegno del Comune di Ferrara, ha ritenuto necessario fare uno sforzo eccezionale per contribuire al rilancio del senso di comunità, del benessere e della qualità della vita della città di Ferrara, proponendo al pubblico l’eccellenza della produzione teatrale del nostro Paese. È pertanto una stagione volutamente eterogenea per repertori, stili interpretativi, modalità espressive, periodi storici, riferimenti letterari e scrittura del testo teatrale, affinché la molteplicità e la diversificazione dei linguaggi possa essere un valore aggiunto per un pubblico quanto più ampio e plurale. Bonifiche Ferraresi è sponsor per gli spettacoli in cartellone nel 2021.

Due i focus: il primo dedicato al sommo poeta Dante Alighieri, in occasione del 700° anniversario della morte con la Prima nazionale di Paradiso con Dante e Beatrice su testo di Federico Sanguineti, ideato e diretto da Moni Ovadia (il 13 ottobre, una produzione Fondazione Teatro Comunale di Ferrara), Paradiso canto XXXIII di e con Elio Germano e Teho Teardo (il 15,16 e 17 ottobre, spettacolo co-prodotto dalla Fondazione Teatro Comunale di Ferrara), mentre dal 13 al 17 ottobre saranno organizzati cinque tra incontri e spettacoli per la Settimana Dante a ingresso gratuito al Ridotto del Teatro con gli studiosi Federico Sanguineti e Vittorio Robiati Bendaud e il pianista Carlo Bergamasco. Il secondo focus sarà in gennaio, con più spettacoli dedicati alla Memoria con gli spettacoli “Oltre i confini. Ebrei e Zingari” di Moni Ovadia il 27 gennaio con un recital di canti, musiche, storie Rom, Sinti ed Ebraiche che mettono in risonanza la comune vocazione delle genti in esilio, e “Se questo è un uomo” di Primo Levi, il 29 e 30 gennaio, con condensazione scenica a cura di Domenico Scarpa e Valter Malosti.

Dal 18 al 21 novembre va in scena La vita davanti a sé, dal testo “La Vie Devant soi” di Romain Gary (scritto sotto lo pseudonimo di Emile Ajar) con riduzione e regia di Silvio Orlando, anche protagonista dello spettacolo che tratta il tema dei temi del mondo contemporaneo: la convivenza tra culture religioni e stili di vita diversi.

Dal 10 al 12 dicembre arriva a Ferrara che in Italia non era ancora stato messo in scena: Piazza degli eroi di Thomas Bernhard (regia di Roberto Andò), estremo congedo dalla vita e dal teatro con cui il drammaturgo austriaco sceglie di dare un nome e un tempo all’ottusità brutale che vede avanzare sulle macerie del Nazismo.

Elio canta e recita Enzo Jannacci dal 14 al 16 gennaio con Ci vuole orecchio. Il “poetastro” – come amava definirsi Jannacci stesso – cantautore eccentrico e straordinario interprete della storia della canzone italiana che intrecciava temi e stili apparentemente inconciliabili quali allegria e tristezza, tragedia e farsa, gioia e malinconia, verrà rivisitato, reinterpretato e “ricantato” da Elio, insieme a una band di cinque elementi.

Un monologo tragicomico ed emozionante tutto incentrato sugli ‘invisibili’ è quello di e con Sergio Castellitto in Zorro, l’opera di Margaret Mazzantini che vede la regia per il teatro dello stesso Castellitto, in programma dall’11 al 13 febbraio.

Dal 18 al 20 febbraio (e il 21 febbraio solo per le scuole) è il momento di un altro capolavoro attualissimo nella descrizione della perdita di senso dell’uomo contemporaneo: Uno, nessuno e centomila, con Pippo Pattavina e Marianella Bargilli per la regia di Antonello Capodici. Una divertente, umoristica, spiritosa, paradossale, leggera, istrionica, versione teatrale del capolavoro di Luigi Pirandello.

Dal 25 al 27 febbraio Franco Branciaroli e Umberto Orsini si ritrovano sulla scena dopo tanti anni per dare vita con la loro abilità al terribile gioco al massacro della commedia Pour un oui ou pour un non di Nathalie Sarraute. A guidarli sarà uno dei maestri indiscussi del teatro, Pier Luigi Pizzi, che ritorna al suo antico amore per la prosa nella regia, nelle scene e nei costumi.

Altra attesa della stagione è Il Nodo di Johnna Adams, dall’11 al 13 marzo, con Ambra Angiolini e Arianna Scommegna e la regia di Serena Sinigaglia, un confronto durissimo tra le due donne – un’insegnante e la madre di un giovanissimo studente – per dare un senso al dolore, allo smarrimento e al loro reciproco, soffocante senso di colpa.

Una serie di malintesi ed equivoci si fa strada ne Il delitto di Via dell’Orsina (L’affaire de la rue de Lourcine) di Eugène Labiche, con adattamento e regia Andrée Ruth Shammah, in cartellone dall’1 al 3 aprile. Emerge una situazione paradossale, un po’ beckettiana, brillantemente costruita con un cast d’eccezione: Massimo Dapporto, Antonello Fassari, Susanna Marcomeni, Francesco BrandiAndrea Soffiantini.

Dal 12 al 14 aprile ‘sale’ L’attesa con Anna Foglietta e Paola Minaccioni per la regia di Michela Cescon. A tanti anni di distanza dalla sua composizione, quello di Remo Binosi rimane un testo contemporaneo che racconta il rapporto serva-padrona, il doppio, il grande seduttore Casanova, la maternità, il male, la morte, passando dalla commedia al dramma, dal noir fino a sfiorare la tragedia.

La stagione si chiude con FRATTO_X di Flavia Mastrella e Antonio Rezza, dal 6 all’8 maggio. Con Antonio Rezza e Ivan Bellavista, (mai) scritto da Antonio Rezza e habitat di Flavia Mastrella, Fratto_X è un impeto da suggestioni fotografiche del fenomeno Rezza-Mastrella, Leon d’Oro alla Carriera alla Biennale di Venezia 2018. «Si può parlare con qualcuno che ti dà la voce? Si può rispondere con la stessa voce di chi fa la domanda? Due persone discorrono sull’esistenza. Una delle due, quando l’altra parla, ha tempo per pensare: sospetta il tranello, ma non ne ha la certezza».

IL TEATRO FA SCUOLA. Quattro saranno proposti per Il Teatro fa Scuola con spettacoli mattutini dedicati agli studenti delle scuole superiori: Paradiso con Dante e Beatrice (13 ottobre ore 11), Oltre i confini. Ebrei e Zingari (27 gennaio ore 11), Uno, nessuno e centomila (21 febbraio ore 11) e Il delitto di via dell’Orsina (2 aprile ore 11). Per il restante pubblico è possibile accedervi solo ed esclusivamente tre giorni prima dello spettacolo a fronte di disponibilità di posti. Per gli studenti biglietti da 5 a 10 euro.

BIGLIETTERIA

Biglietteria del Teatro Comunale di Ferrara

Corso Martiri della Libertà, 5 – 44121 Ferrara

tel. 0532 202675

[email protected]

 

ORARI

Martedì e mercoledì 16-19

Giovedì, venerdì e sabato: ore 10-12.30 e 16-19

Lunedì, domenica e festivi: chiuso

Nei giorni di programmazione serale: apertura sino a inizio spettacolo

In caso di programmazione nei giorni di chiusura o in giorni festivi: apertura da un’ora prima della rappresentazione

 

VENDITA BIGLIETTI

Biglietti interi da 8 a 32 euro, senior dagli 8 ai 26 euro, under 30 dagli 8 ai 19 euro.

Per gli abbonati 2019/20 e i gruppi prezzi dagli 8 ai 24 euro.

Inizio vendita biglietti dal 9 ottobre 2021. L’acquisto può essere effettuato direttamente in Biglietteria oppure tramite prenotazione telefonica e on line agli indirizzi www.teatrocomunaleferrara.it e  www.vivaticket.it.