Un mese dopo il ciclone Idai già 5mila casi di colera


Allarme UNICEF: un mese dopo il passaggio del ciclone Idai che ha devastato parti di Mozambico, Malawi e Zimbabwe si contano oltre 5mila casi di colera mentre 1,6 milioni di minori hanno bisogno di assistenza umanitaria

Ciclone Idai colpisce Malawi, Mozambico e Zimbabwe con forti piogge e venti fino a 170 km/h, allarme UNICEF: oltre 850mila persone colpite da gravi inondazioni

Secondo l’UNICEF, almeno 1,6 milioni di bambini hanno urgente bisogno di assistenza sanitaria, nutrizione, protezione, istruzione, acqua e servizi igienico-sanitari – un mese dopo che il ciclone Idai ha devastato parti di Mozambico, Malawi e Zimbabwe. Le necessità in Mozambico rimangono enormi, con 1 milione di bambini bisognosi di assistenza, più di 443.000 bambini  in Malawi e 130.000 in Zimbabwe.

Il Mozambico ha già registrato 4.600 casi di colera e 7.500 di malaria da quando il ciclone ha colpito.

Qualsiasi interruzione prolungata nell’accesso ai servizi essenziali potrebbe portare a epidemie di malattie e a picchi di malnutrizione, a cui i bambini sono particolarmente vulnerabili.

L’UNICEF è particolarmente preoccupato per l’accesso ai servizi per gli oltre 130.000 bambini che rimangono sfollati a causa del ciclone, la maggior parte dei quali si trovano in Mozambico e Malawi. Più di 200.000 case sono state distrutte dalla tempesta nel solo Mozambico.

“I bambini che vivono in rifugi affollati o lontano dalle loro case sono a rischio di malattie, sfruttamento e abusi”, ha detto Henrietta Fore, Direttore Generale dell’UNICEF, che ha visitato Beira subito dopo il ciclone. La strada per la guarigione sarà lunga”. È imperativo che i partner umanitari siano presenti in ogni fase del percorso. Dobbiamo aiutare i bambini e le famiglie a sopravvivere e poi a rimettersi in piedi”.

Nei tre paesi, le acque alluvionali si sono in gran parte ritirate e alcune famiglie colpite hanno iniziato a tornare a casa. Tuttavia, migliaia di persone rimangono nei campi di evacuazione perché le loro case sono state danneggiate o distrutte. Anche la sicurezza alimentare è una questione importante perché la tempesta ha distrutto i raccolti.

L’UNICEF e i suoi partner continuano a rispondere ai bisogni umanitari urgenti dei bambini e delle famiglie. Fino ad oggi questa è stata l’azione umanitaria dell’UNICEF :

  • Mozambico: L’UNICEF ha fornito vaccini per immunizzare con successo 900.000 persone contro il colera, ha iniziato la distribuzione di 500.000 zanzariere per proteggere i bambini dalla malaria e ha contribuito a ripristinare l’approvvigionamento idrico per 500.000 persone nella città di Beira. Nelle prossime settimane sono previste campagne di vaccinazione contro il morbillo.  L’UNICEF sta inoltre sostenendo la creazione di diverse cliniche sanitarie nelle aree di reinsediamento.
  • Malawi: L’UNICEF fornisce autocarri con acqua, servizi igienici e spazi a misura di bambino per i centri di evacuazione, oltre a medicinali e cliniche mobili, kit educativi e ricreativi, insegnanti volontari e spazi a misura di bambino nei centri di evacuazione. Da quando il ciclone ha colpito il Malawi, l’UNICEF ha fornito acqua potabile a più di 53.000 persone e servizi igienici a più di 51.000 persone.
  • Zimbabwe: l’UNICEF distribuisce kit per l’igiene, riabilita i sistemi idrici e ripristina le strutture igienico-sanitarie, fornisce forniture sanitarie e nutrizionali vitali e collabora con i partner per fornire sostegno psicosociale ai bambini vulnerabili in spazi a misura di bambino. L’UNICEF ha fornito a più di 60.000 persone informazioni salvavita per prevenire le malattie legate all’acqua e, a partire da lunedì 15 aprile, lancerà una campagna di vaccinazione contro il colera in collaborazione con il Ministero della Salute e dell’infanzia dello Zimbabwe e l’OMS, per proteggere oltre 480.000 persone.

L’UNICEF ha lanciato un appello per 122 milioni di dollari per sostenere la sua risposta umanitaria per i bambini e le famiglie colpite dalla tempesta e dalle sue conseguenze, in Mozambico, Zimbabwe e Malawi nei prossimi nove mesi.