Impianti energetici, per calcolare tutti i costi arriva il sistema FELIPE

Brevettato da ENEA può essere utilizzato per impianti in fase di costruzione o già realizzati

sistema calcolo FELIPE
FELIPE analizza qualsiasi tipo di impianto energetico, sia da realizzare che già in funzione

ROMA – Per calcolare i costi legati agli impianti energetici alimentati da qualsiasi fonte e di qualsiasi potenza arriva FELIPE, il nuovo sistema di calcolo brevettato dall’ENEA.

FELIPE (Fattibilità Economica preLiminare degli Impianti di Produzione Energetica), è in grado di effettuare l’analisi economica per qualsiasi tipo di impianto energetico, sia da realizzare che già in esercizio.

La valutazione si basa sull’elaborazione di tutti i dati riguardanti l’impianto, come la sua dimensione, il costo stimato di costruzione, i costi di esercizio e di mantenimento annuo.

Ma anche la produzione (elettrica, termica, frigorifera) con riferimento alle modalità di funzionamento, compreso il costo del combustibile a seconda della tipologia utilizzata. Vengono presi in considerazione anche i contributi a fondo perduto nonché gli incentivi economici sulle produzioni e la loro durata.

Nel caso si debba far ricorso a prestiti bancari, tiene conto anche degli interessi da pagare.

Il sistema di calcolo conteggia inoltre pure il costo delle esternalità legate alla produzione energetica da fonti primarie, come l’impatto delle emissioni in termini di inquinamento.

Questo perché la legislazione prevede di acquistare sul mercato il permesso ad emettere emissioni in eccesso rispetto al limite annuo.

Tra i possibili utilizzatori di FELIPE ci sono anche le ESCO che intendono proporre interventi di efficienza energetica, o gli utenti che hanno bisogno di individuare l’impianto più vantaggioso per loro tra diverse proposte.

Come spiega Enzo Metelli del laboratorio ENEA “Sviluppo Componenti e Impianti Solari”, uno degli autori del brevetto, il sistema di calcolo “aiuterà le imprese, che costruiscono impianti energetici a tecnologia avanzata o a fonti rinnovabili, a capire quando è il momento giusto per mettersi sul mercato per essere competitivi”.