Cuoco dell’anno nella XIII edizione di Identità Golose

Milano.  Il Premio Cuoco dell’Anno, conferito da Contadi Castaldi, è stato assegnato a Riccardo Camanini, chef alla guida del ristorante Lido 84 a Gardone di Riviera, provincia di Brescia. A premiarlo Gian Luca Uccelli, enologo della cantina bresciana, insieme a Paolo Marchi, fondatore di Identità Golose, durante la XIII edizione del Congresso Internazionale di Identità Golose che si è tenuto a Milano dal 4 al 6 marzo.

Dopo una attenta selezione la redazione di Identità Golose, ha deciso di conferire il premio Premio Cuoco dell’Anno a questo giovane cuoco in continua ascesa. Amato dai grandi chef come Massimo Bottura, Alain Ducasse, Corey Lee, chiamato ai congressi di tutto il mondo, Camanini è sicuramente quello che più tra i giovani Chef italiani, sta rivoluzionando l’idea di cucina stellata.

Classe ’73, bergamasco di origine, un diploma di cuoco all’Istituto Tecnico Alberghiero di Darfo Boario Terme (Brescia), inizia la sua carriera nelle cucine de l’Albereta a fianco del grande maestro Gualtiero Marchesi.

Alla fine degli anni novanta vola nelle cucine stellate di Londra e Parigi – con esperienze a Le Manoir aux Quat Saison, 2 stelle appuntate sul petto di Raimond Blanc e una seconda a La Grande Cascade di Parigi, a spiare il mestiere di chef come Jean Louis, braccio armato di Alain Ducasse, per poi approdare sul lago di Garda, alla guida dei fuochi di Villa Fiordaliso dove per 16 anni mantiene senza sforzo la meritata Stella Michelin.  All’alba dei 40, sente però il desiderio di un progetto tutto suo che, in brevissimo tempo prende forma e col fratello Giancarlo. In pochi anni Lido 84 ha conquistato la Stella Michelin, oltre ai 3 Cappelli dell’Espresso, 2 Forchette Gambero Rosso, la Corona Radiosa Gatti e Massobrio e la menzione di Contadi Castaldi. E, al di là di riconoscimenti e menzioni, questo splendido ristorante ha anche un grande successo di pubblico.

“Siamo onorati di assegnare il premio Cuoco dell’Anno – attraverso Identità Golose – a uno chef come Camanini che ha dimostrato di saper intraprendere un percorso singolare di ricerca e rispetto delle materie prime del territorio nel quale si ritrova ad operare. Un approccio che da sempre contraddistingue il pensiero di Contadi Castaldi sin dalla sua nascita, nel 1987, un percorso identitario, molto originale, all’interno del proprio territorio di vocazione, la Franciacorta” – ha dichiarato Gian Luca Uccelli, durante la premiazione – “Un premio che sono ancora più felice di conferire perché Camanini, che ha iniziato la sua carriera a Erbusco, sotto la guida di Gualtiero Marchesi, ha proseguito un percorso internazionale per poi tornare  a Gardone di Riviera, non lontano dalla nostra terra e da dove tutto è iniziato. Un progetto armonioso per valorizzare un territorio ricco di storie  da raccontare”.