Site icon Corriere Nazionale

Meningite, nuovo caso in Toscana: ricoverata una 20enne

Globuli rossi troppo piccoli sono "sentinelle" del rischio di cancro secondo uno studio dell'Università di Exeter pubblicato sul British Journal of General Practice

Il nuovo caso di meningite registrato in Toscana è di tipo C

La ragazza di Prato è in terapia intensiva: è il 61° caso in due anni

Nuovo appello della Regione alla vaccinazione anti meningite

ROMA – La meningite di tipo C continua a fare paura in Toscana dove ieri sera è stato registrato un altro caso, il 61° dal 2015.

Una ragazza di 20 anni residente a Prato è stata ricoverata all’ospedale Santo Stefano.

La giovane, arrivata ieri sera al nosocomio pratese, si trova ora nel reparto di terapia intensiva. Le analisi effettuate dal laboratorio di immunologia del Meyer di Firenze hanno confermato che si tratta di meningococco di tipo C, il più aggressivo.

Soltanto tre giorni fa un bambino di 22 mesi di Porcari, in provincia di Lucca, è morto sempre per la meningite di tipo C. Trasportato d’urgenza al Meyer, è deceduto nonostante i tentativi di salvarlo dei sanitari.

Con il ricovero della 20enne pratese la sera del 31 Dicembre salgono a 61 i casi di meningite C sul territorio regionale in appena due anni. Se ne contano infatti 31 nel 2015 e 30 nel 2016.

Nell’anno appena concluso i casi accertati sono 39 di cui 30 di tipo C.

In tutto, da gennaio 2015, la meningite ha provocato 14 vittime in Toscana: 13 per il ceppo C e 1 per quello di tipo B.

Per contrastare la patologia la Regione ha promosso una campagna di vaccinazione straordinaria nell’aprile 2015.

In tutto sono state somministrate oltre 735mila dosi di vaccino alla popolazione ma molti non sono ancora vaccinati, come il bimbo di 22 mesi morto tre giorni fa. Da qui gli appelli continui delle autorità regionali alla popolazione, invitata a vaccinarsi.

La campagna di vaccinazione straordinaria contro la meningite è stata estesa infatti al 31 Marzo 2017.

Tutte le informazioni utili possono essere reperite anche sulla sezione speciale del portale della Regione a questo link.

Exit mobile version