Abbuffate natalizie, il decalogo per rimettersi in forma

Si possono prendere fino a 3 chili in più: i consigli degli esperti

Per riprendersi dalle abbuffate consigliate frutta e verdura

ROMA – Pranzi e cene delle Feste sono sinonimo di abbuffate e per nutrizionisti e dietologi il rischio è che alla fine si possano accumulare fino a 3 chili in più.

Per il 74% degli esperti quell’ago della bilancia che spesso dopo i festeggiamenti del Natale e del Capodanno si impenna indica un reale aumento di peso.

Con le abbuffate si ingrassa infatti in media di 2 kg (24%), per arrivare ai 3-4 kg (32%). Ma non è difficile che dopo il periodo che va da inizio dicembre e metà gennaio si arrivi a pesare anche 5 kg in più (18%).

Solo una minoranza, secondo gli esperti, riesce a limitare i danni, arrivando a pesare 1 kg in più rispetto all’ultimo controllo peso pre-festivo.

Ad influire, come emerge da uno studio di In a Bottle (www.inabottle.it), è soprattutto la cattiva abitudine di mangiucchiare durante l’intero arco della giornata (66%).

Inoltre a Natale la maggior parte degli italiani trascura ogni principio di sana alimentazione e corretta idratazione (42%).

A questo si aggiunge un abuso nel consumo di bevande alcoliche (35%), che oltre a non essere “sano”, è iper-calorico. Infine sono molto minori le occasioni per “bruciare” le calorie che vengono immagazzinate, rispetto a quanto avviene di solito (45%).

Quali allora i trucchi per ritrovare il benessere psicofisico? Il 65% si dice assolutamente contrario a lanciarsi in una rigida dieta o rinunciare del tutto a festeggiare le ricorrenze.

Importante, poi, per il post-festività è evitare una “dieta da fame”, nella speranza di perdere in pochi giorni i chili di troppo accumulati.

Si darebbe uno choc inutile all’organismo e si rischierebbe di perdere gli effetti positivi sul benessere psicologico associati alla trasgressione.

Molto meglio tornare per gradi ad una corretta alimentazione e idratazione (38%) e reintrodurre nel proprio organismo tutti quegli elementi, come frutta, verdura e acqua che durante le abbuffate natalizie vengono un po’ trascurati.

Addirittura secondo il 26% degli esperti dovrebbero essere applicate alcune “abitudini” assunte durante le festività, ovvero fare almeno tre pasti al giorno, cosa di cui durante il periodo lavorativo spesso ci si dimentica.

Il decalogo post abbuffate natalizie

1.Osserva una dieta varia e equilibrata. Variare l’alimentazione e’ importante per non far mancare all’organismo i principali nutrienti.

2.Non sottovalutare i rischi di un’alimentazione iper-calorica. Un apporto di calorie superiore all’effettivo fabbisogno contribuisce all’aumento di peso, affaticando l’organismo.

3.Limita i dolci. Se durante le feste si è esagerato, l’importante è limitarne il consumo nei giorni seguenti.

4.Evita il consumo di bevande alcoliche. È consigliabile limitare o evitare di assumere alcolici, dal momento che l’apporto calorico ad essi associato non e’ affatto trascurabile.

5.Pratica attività fisica. Una corretta alimentazione accompagnata da una sana attività fisica è il metodo migliore per tornare in forma all’indomani delle feste natalizie.

6.Mangia frutta e verdura. Ricordare di assumere i giusti quantitativi di frutta e verdura, fondamentali per un corretto apporto di fibre, vitamine e sali minerali, è fondamentale dopo una dieta poco bilanciata.

7.Scegli l’acqua. Assumerla può aiutare a eliminare i liquidi in eccesso trattenuti dal nostro organismo e ad opporsi alla voglia di mangiare ancora. L’acqua ha infatti la capacità di dilatare lo stomaco e favorire il senso di sazietà.

8.Evita di assaggiare i cibi lontano dai pasti. Meglio limitarsi a mangiare durante i pasti principali. Aiuta a tenere sotto controllo le quantità di cibo ingerite.

9.Riduci i grassi. Moderare la quantità di grassi e oli utilizzati per condire e preferire metodi di cottura leggeri e salutari, sono buone norme da osservare non solo dopo le feste, ma adurante tutto l’anno.

10.Non saltare i pasti. Il benessere psicofisico parte da un’alimentazione e da pasti regolari.