Site icon Corriere Nazionale

Dermatite atopica: efficacia di upadacitinib arriva a 52 settimane

Dermatite atopica, tapinarof andea

L’efficacia e la sicurezza del JAK inibitore orale upadacitinib nei pazienti con dermatite atopica da moderata a grave arrivano fino a 52 settimane

L’efficacia e la sicurezza del JAK inibitore orale upadacitinib nei pazienti con dermatite atopica da moderata a grave si sono mantenute per 52 settimane, secondo i risultati della fase di estensione di due trial clinici randomizzati di fase III, pubblicati sulla rivista JAMA Dermatology.

Negli studi in corso Measure Up 1 e 2, l’82% dei pazienti randomizzati a ricevere una delle due dosi di upadacitinib ha avuto un miglioramento di almeno il 75% dell’Eczema Area and Severity Index (EASI 75) dopo 52 settimane. I risultati includevano i pazienti trattati con placebo che sono stati randomizzati a ricevere upadacitinib dopo aver completato uno studio di 16 settimane. Inoltre, dall’87% al 91% dei pazienti dei due studi che avevano ottenuto risposte EASI75 dopo 16 settimane le hanno mantenute alla settimana 52.

«Raggiungere questo livello di controllo della malattia con un agente orale potrebbe rendere upadacitinib un’opzione interessante per alcuni pazienti con dermatite atopica, considerato che molti non gradiscono le terapie iniettive» hanno osservato gli autori.

«Upadacitinib ha anche un’attività immunitaria più ampia, mirando a più vie immunitarie rispetto a dupilumab, anche se ancora non disponiamo dello stesso tipo di dati sulla sicurezza che abbiamo per dupilumab» ha affermato l’autore senior Emma Guttman-Yassky della Icahn School of Medicine al Mount Sinai di New York City. «Tuttavia nel nostro centro abbiamo molti pazienti già trattati per 2 anni con upadacitinib e i risultati sono fantastici. La conclusione è che ora abbiamo più opzioni per i nostri pazienti».

Due trial di fase III
Measure Up 1 e 2, due studi di fase III, in doppio cieco, controllati con placebo e condotti in più di 150 centri, hanno coinvolto un totale di 1.609 pazienti di età compresa tra 12 e 75 anni affetti da dermatite atopica da moderata a grave, definita da almeno il 10% della superficie corporea interessata dalla malattia. I partecipanti sono stati randomizzati a ricevere 15 mg o 30 mg di upadacitinib al giorno o placebo. L’endpoint primario (EASI 75) è stato valutato dopo 16 settimane di trattamento e i risultati sono stati pubblicati nel 2021 su The Lancet.

Nella successiva fase di estensione i pazienti originariamente assegnati al JAK inibitore hanno continuato lo studio mantenendo la stessa dose, mentre quelli sottoposti a placebo sono stati randomizzati a ricevere una delle due dosi di upadacitinib.

L’efficacia è stata definita dal raggiungimento di una risposta EASI 75 e un punteggio di 0/1 (pelle libera o quasi libera da lesioni) nel Validated Investigator Global Assessment for Atopic Dermatitis (vIGA-AD) con un miglioramento di almeno due punti rispetto al basale.

Miglioramento a lungo termine dei segni e sintomi della malattia
Alla settimana 52, l’82% dei pazienti nel braccio da 15 mg di Measure Up 1 ha soddisfatto i criteri di risposta EASI 75 così come quasi l’85% di quelli trattati con la dose da 30 mg. I tassi di risposta EASI 75 a 52 settimane in Measure Up 2 erano del 79,1% con di upadacitinib 15 mg e dell’84% con 30 mg.

Circa il 59% del gruppo 15 mg il 62% del gruppo 30 mg in Measure Up 1 ha ottenuto un punteggio di 0/1 nel vIGA-AD con un miglioramento di almeno due punti rispetto al basale. Le percentuali degli stessi gruppi di dosaggio in Measure Up 2 erano rispettivamente del 53% e del 65%.

Due terzi dei pazienti trattati con entrambe le dosi di upadacitinib hanno ottenuto un miglioramento di almeno 4 punti nel punteggio del prurito in Measure Up 1, così come il 62% dei pazienti alla dose di 15 mg e il 73% di quelli assegnati a 30 mg in Measure Up 2.

Gli autori hanno anche rilevato miglioramenti significativi sulle valutazioni degli esiti riferiti dai pazienti: Dermatology Life Quality Index, Hospital Anxiety and Depression Scale e Atopic Dermatitis Impact Scale (domini del sonno, dello stato emotivo e delle attività quotidiane).

«I pazienti trattati con placebo e nuovamente randomizzati a ricevere upadacitinib alla settimana 16 hanno mostrato alla settimana 52 risposte simili ai partecipanti trattati con il JAK inibitore fin dall’inizio dello studio, confermando i risultati del periodo in doppio cieco» hanno scritto i ricercatori. Hanno inoltre riferito che la perdita di risposta tra le settimane 16 e 52 si è verificata di rado e i tassi di interruzione del trattamento a causa di eventi avversi sono stati bassi con entrambe le dosi di upadacitinib (maggiori con la dose da 30 mg).

«In questa analisi dei dati di follow-up di due studi clinici randomizzati, il trattamento a lungo termine di adolescenti e adulti con dermatite atopica da moderata a grave con upadacitinib ha dimostrato un profilo rischio-beneficio favorevole con una risposta di efficacia prolungata per 52 settimane» hanno concluso, aggiungendo che i pazienti saranno seguiti per 260 settimane. «Una limitazione dello studio era la predominanza di pazienti bianchi, quindi “potrebbero essere necessari ulteriori studi su popolazioni sottorappresentate».

Bibliografia

Simpson EL et al. Efficacy and Safety of Upadacitinib in Patients With Moderate to Severe Atopic Dermatitis: Analysis of Follow-up Data From the Measure Up 1 and Measure Up 2 Randomized Clinical Trials. JAMA Dermatol. 2022 Mar 9. 

Leggi

Exit mobile version