Site icon Corriere Nazionale

Curare il diabete con la cannabis: i pro e i contro

dka diabete cannabis semaglutide orale

È possibile che la cannabis possa avere un ruolo nel diabete, aiutando il paziente: ma ci sono anche elementi contrati a questa terapia

È possibile che la cannabis possa avere un ruolo nel diabete, aiutando a migliorare la gestione della glicemia, ridurre l’infiammazione arteriosa, migliorare la neuropatia e abbassare la pressione sanguigna. Alcuni degli ostacoli che devono affrontare i diabetici per la terapia con cannabinoidi sono affrontare le questioni legali e l’accessibilità, oltre ad avere una guida di qualità per la composizione dei prodotti e il dosaggio più appropriato.

Per fare il punto sulla questione, è stato chiesto il parere di Janice Newell Bissex, direttore del programma Cannabinoid Medical Sciences presso la John Patrick University of Health and Applied Sciences a South Bend, in Indiana

Con la legalizzazione dell’uso medico della cannabis negli adulti in alcuni stati e la legalizzazione federale della produzione di canapa, l’uso di questi prodotti è aumentato tra le persone con diabete. In un’analisi pubblicata nel 2022 sui dati dell’International Cannabis Policy Study raccolti nel 2018 in Canada e negli Stati Uniti, i ricercatori hanno scoperto che il 27% delle persone che vivono in Nord America ha riferito di aver usato cannabis medica per gestire il dolore (53%), ridurre l’ansia (52%) o migliorare il sonno (46%).

«Rispecchiando la popolazione generale, l’uso di cannabis e cannabidiolo (CBD) è aumentato anche nei diabetici. Uno studio pubblicato nel 2020 sui risultati del National Survey on Drug Use and Health ha mostrato che la prevalenza del consumo di cannabis tra gli adulti con diabete è cresciuta del 340% dal 2005 al 2018. L’espansione della legalizzazione, la diminuzione dello stigma e una maggiore consapevolezza dei potenziali benefici hanno probabilmente contribuito a un aumento del consumo di cannabis e CBD» ha detto Bissex.

Quali effetti sul diabete?
La cannabis e il CBD interagiscono con il sistema endocannabinoide, che è coinvolto nel metabolismo dei lipidi e del glucosio. Il CBD prende di mira i recettori accoppiati alla proteina G (GPCR), che sono diffusi nell’organismo e influenzano molte funzioni corporee. Anche la maggior parte dei farmaci prescritti per il diabete mirano ai GPCR, ha spiegato Bissex.

L’infiammazione e lo stress ossidativo sono fattori coinvolti nello sviluppo della malattia e delle complicanze nel diabete e in altre malattie croniche. I cannabinoidi presenti nella pianta di cannabis hanno effetti antinfiammatori e antiossidanti ben documentati. Anche seguire una dieta che includa vegetali, cereali integrali e grassi sani, gestire lo stress e fare esercizio può anche aiutare a tenere sotto controllo l’infiammazione e lo stress ossidativo.

«Non ci sono segnalazioni di un peggioramento della glicemia con l’uso di cannabis» ha fatto presente Bissex. «Un’analisi pubblicata nel 2013 su dati del National Health and Nutrition Examination Survey ha rilevato che l’uso di cannabis è associato a un livello del 16% più basso di insulina a digiuno e del 17% più basso di resistenza all’insulina. Non dovrebbe quindi sorprendere che i consumatori di cannabis possano avere un’incidenza di diabete di tipo 2 inferiore rispetto alla popolazione generale».

Due dei cannabinoidi contenuti nella cannabis sono stati identificati come particolarmente utili per il diabete, la tetraidrocannabivarina (THCv) e il CBD. Inoltre un terpene presente nella cannabis, il beta-cariofillene, svolge un ruolo nel metabolismo dei lipidi e del glucosio e ha un potenziale antidiabetico.

Uno studio del 2016 pubblicato sulla rivista Diabetes Care ha rilevato che la THCv ha ridotto significativamente i livelli di glucosio nel sangue a digiuno. È stato scoperto che il CBD diminuisce la resistina (un ormone di origine proteica prodotta dai macrofagi in seguito a un aumento del tessuto adiposo) e aumenta il polipeptide inibitorio gastrico, che stimola la secrezione di insulina. Un altro studio, pubblicato nel 2006, ha mostrato che il CBD ha ridotto significativamente l’incidenza del diabete nei topi diabetici non obesi (86% contro 30%) e ha diminuito il rilascio di citochine infiammatorie.

Quali sono i prodotti disponibili 
«La cannabis viene consumata più comunemente attraverso il fumo, lo svapo, le tinture, le capsule e gli edibili. Ci sono pro e contro per ogni metodo. Il fumo e lo svapo forniscono il sollievo più rapido per il dolore intenso, mentre le capsule e gli edibili hanno un effetto ritardato che dura più a lungo. Le tinture fanno effetto in circa 15 minuti e consentono la titolazione del dosaggio in base a come si sente il consumatore» ha spiegato Bissex. «La THCv non si trova così comunemente nei prodotti a base di cannabis, quindi la ricerca di una cultivar con livelli più elevati di THCv richiederà alcune ricerche».

Il CBD potrebbe essere un modo più semplice per iniziare a ottenere potenziali benefici per quanti convivono con il diabete. Viene prodotto da molte aziende, ma l’etichettatura è spesso imprecisa. È bene richiedere un certificato di analisi per verificare la correttezza delle informazioni dichiarate e avere qualcuno a cui rivolgersi per un appropriato metodo di somministrazione e di dosaggio.

I prodotti a spettro completo contengono tutti i cannabinoidi, terpeni e flavonoidi della pianta, incluso il tetraidrocannabinolo (THC), il cannabinoide più noto per via dei suoi effetti psicoattivi. La quantità massima di THC consentita nei prodotti a base di canapa CBD è 0,3%, che non è sufficiente per essere inebriante, ha fatto presente Bissex. Il CBD topico può aiutare con il dolore neuropatico.

«Secondo la letteratura non sono peraltro note interazioni tra CBD o cannabis e insulina, metformina, glipizide, glimepiride, canagliflozin, empagliflozin o sitagliptin. Il CBD ingeribile può interagire con i farmaci che vengono elaborati dal sistema enzimatico CYP450, come il warfarin, ma l’uso di tinture e di forme topiche evita il metabolismo epatico di primo passaggio, per attenuare qualsiasi rischio di interazione».

«Ci sono in corso diverse ricerche sui potenziali benefici del CBD e della terapia con la cannabis per il diabete» ha concluso Bissex. «Abbiamo bisogno di più studi clinici per determinare i migliori rapporti tra i vari cannabinoidi e il dosaggio ottimale. Il primo passo è legalizzare questa pianta, sia per aumentare l’accesso alla cannabis medica che per consentire ulteriori ricerche».

Bibliografia

Brook E et al. Pharmacol Res. 2019;doi:10.1016/j.phrs.2019.01.009.
Danielsson AK et al. J Diabetes Res. 2016;doi:10.1155/2016/6278709.
Jadoon KA et al. Diabetes Care. 2016;doi:10.2337/dc16-0650.
Leung J et al. Psychopharmacology (Berl). 2022;doi:10.1007/s00213-021-06047-8.
Maurya A et al. Curr Top Med Chem. 2021;doi:10.2174/1568026621666210305102500.
Penner EA et al. Am J Med. 2013;doi:10.1016/j.amjmed.2013.03.002.
Sexton TR et al. Drug Alcohol Depend. 2020;doi:10.1016/j.drugalcdep.2020.108035.
Weiss L et al. Autoimmunity. 2006;doi:10.1080/08916930500356674.

Exit mobile version