Site icon Corriere Nazionale

Guerra in Ucraina: Kiev crea archivio crimini russi, altre minacce da Mosca

guerra ucraina mariupol

Guerra in Ucraina, Mosca avvisa l’Occidente: “Basta armi a Kiev o si rischia conflitto diretto”. Creato archivio dei crimini di guerra dell’esercito russo

“Abbiamo creato un archivio online per documentare i crimini di guerra della Russia“. L’annuncio arriva su Twitter dal ministro degli Esteri dell’Ucraina, Dmytro Kuleba. “Le prove raccolte delle atrocità commesse dall’esercito russo in Ucraina assicurerà che questi criminali di guerra non possano sottrarsi alla giustizia”, ha aggiunto il ministro come riferisce la Dire (www.dire.it). L’archivio curato dalle autorità ucraine è disponibile in lingua inglese e arriva all’indomani della strage nella stazione di Kramatorsk che ha causato più di 50 morti, per la quale Kiev ha accusato Mosca, che ha rispedito al mittente le responsabilità.

LEGGI ANCHE: La prova che Putin è un criminale di guerra | Russian version

DIFESA KIEV: “MORTI PIÙ DI 19MILA SOLDATI RUSSI”

Sempre su Twitter, le forze militari ucraine hanno pubblicato una infografica da cui si deduce che più di 19mila soldati dell’esercito russo avrebbero perso la vita da quando, il 24 febbraio, è iniziata quella che Mosca definisce “operazione speciale” sul territorio ucraino.

LEGGI ANCHE: Il politologo: “La guerra in Ucraina può andare avanti anche 10 anni”

AMBASCIATORE RUSSO IN USA: “CON ALTRE ARMI A KIEV OCCIDENTE RISCHIA CONFLITTO DIRETTO”

“Gli Stati dell’Occidente sono direttamente coinvolti negli eventi in corso perché continuano a rifornire l’Ucraina di armi e munizioni, incitando così a ulteriori spargimenti di sangue”. Lo ha dichiarato l’ambasciatore russo negli Stati Uniti, Anatoly Antonov, a ‘Newsweek’.

LEGGI ANCHE: Il ministro ucraino Kuleba a Bruxelles: “Più armi arrivano, più vite salviamo”

Il diplomatico ha aggiunto: “Avvisiamo che queste azioni sono pericolose e provocatorie perché sono dirette contro la nostra nazione. Possono portare gli Stati Uniti e la Russia nel cammino verso un confronto militare diretto“.

Exit mobile version