Site icon Corriere Nazionale

Biocon acquisisce i biosimilari di Viatris

radius sierra oncology consenso informato Contratti di secondo livello: con una circolare l’INL fornisce istruzioni per beneficiare degli sgravi contributivi e fiscali, bracco

L’indiana Biocon ha annunciato di aver accettato di acquistare il business dei biosimilari di Viatris per un massimo di 3,3 miliardi di dollari

Biocon ha annunciato di aver siglato un accordo per acquisire il business dei biosimilari di Viatris per un importo massimo di 3,3 miliardi di dollari. Secondo i termini concordati, Viatris riceverà un corrispettivo in contanti di 2 miliardi di dollari alla chiusura della transazione, e 335 milioni di dollari in ulteriori pagamenti nel 2024. Oltre a questi pagamenti, le azioni di Biocon emesse a favore di Viatris daranno a quest’ultima una partecipazione di almeno il 12,9% nell’unità biologici di Biocon.

In cambio, Biocon ottiene il business globale dei biosimilari di Viatris, che si prevede che quest’anno generi entrate per 875 milioni di dollari, che saliranno a oltre un miliardo di dollari nel 2023. Inoltre, Biocon erediterà il portfolio di biosimilari su licenza di altre società.

Viatris vanta attualmente un portafoglio di biosimilari per indicazioni quali il diabete e malattie del metabolismo, immunologia e oncologia, con circa 150 autorizzazioni alla commercializzazione. Biocon avrà ora un portafoglio completo di una varietà di terapie commercializzate, tra cui insuline e biosimilari oncologici e immunologici.

Viatris si è formata nel 2020 dopo che Pfizer ha combinato con Mylan la sua unità denominata Upjohn nella quale aveva fatto confluire i farmaci branded off-patent e i farmaci generici.

La casa farmaceutica indiana fa sapere che la transazione, già approvata dai consigli di amministrazione di entrambe le società, dovrebbe chiudersi nella seconda metà del 2022 e creerà una “impresa globale unica di biosimilari, completamente integrata “.

Kiran Mazumdar-Shaw, presidente esecutivo dell’unità biologica di Biocon, ha osservato che “questa acquisizione è trasformativa per la nostra società e creerà un’impresa di biosimilari completamente integrata e leader mondiale”. Ha aggiunto che l’accordo permetterà a Biocon di “raggiungere un robusto motore commerciale nei mercati sviluppati di Stati Uniti ed Europa e accelererà il nostro viaggio verso la costruzione di un forte marchio globale. Ci renderà anche pronti per il futuro per la prossima ondata di prodotti”.

Arun Chandavarkar, amministratore delegato della divisione biologica di Biocon, ha suggerito che l’acquisto “fornisce diversi vantaggi, tra cui l’agilità strategica e le efficienze operative, che ci aiuteranno a mitigare le pressioni sui prezzi in un panorama globale competitivo dei biosimilari”.

Le aziende dichiarano diversi vantaggi per questo accordo. Questo include l’agilità strategica e le efficienze operative, che aiuteranno a mitigare le pressioni sui prezzi, a raggiungere un robusto motore commerciale nei mercati statunitensi ed europei e ad accelerare il suo viaggio per diventare un forte marchio globale.

Nel 2020, la dimensione del mercato globale dei biosimilari ha raggiunto 13,2 miliardi di dollari con un tasso di crescita previsto del 17,5% entro il 2030. L’aumento dell’uso dei biosimilari è anche in grado di far risparmiare ai pazienti ben 100 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni. Fino ad ora, l’Fda ha approvato 34 biosimilari destinati al trattamento di una varietà di condizioni, tra cui l’artrite reumatoide, il morbo di Crohn e il linfoma non Hodgkin.

I pazienti di tutto il mondo non possono che beneficiare di un aumento del mercato dei biosimilari. L’American Journal of Managed Care’s Biosimilars Center riporta che il 25% dei pazienti affetti da cancro sono stati in grado di accedere al trattamento utilizzando i biosimilari, e c’è stato un risparmio medio di 200 dollari per trattamento per i pazienti.

Grazie alla collaborazione già esistente tra le due aziende, Viatris e Biocon hanno ottenuto una storica approvazione della Fda per la prima iniezione intercambiabile biosimilare Semglee (insulina glargine a lunga durata d’azione) per il trattamento del diabete. Il fatto che sia intercambiabile significa che i farmacisti possono prendere la decisione di sostituire Semglee con il suo prodotto di riferimento, Lantus, il che può far risparmiare ai pazienti il 15-35%. L’accesso all’insulina a prezzi accessibili è stato un argomento importante negli Stati Uniti, poiché il costo del trattamento salvavita è quasi triplicato negli ultimi 15 anni.

Exit mobile version