Site icon Corriere Nazionale

Celiachia: benefici dalla dieta FODMAP

Gluten Sensitivity, Allergia al Glutine e Celiachia: perche è importante la diagnosi differenziale? E come prevenire le carenze di nutrienti? Ne parla la Prof.ssa Eleonora Nucera

Celiachia: una dieta FODMAP a breve termine e moderatamente bassa può avere effetti benefici sui sintomi secondo un nuovo studio

Secondo uno studio pubblicato su Clinical Gastroenterology and Hepatology, una dieta FODMAP a breve termine e moderatamente bassa, oltre a una dieta rigorosamente priva di glutine, ha ridotto significativamente i sintomi gastrointestinali e ha migliorato la salute nei pazienti celiaci.

“Non ci sono raccomandazioni o linee guida per i pazienti con malattia celiaca (CeD) in remissione con sintomi in corso, ma gli interventi dietetici, oltre a una dieta priva di glutine, potrebbero essere un’opzione terapeutica per i sintomi persistenti simili al colon irritabile (IBS)” evidenziano Frida van Megen, ricercatrice presso il dipartimento dei servizi clinici dell’ospedale universitario di Oslo Rikshospitalet in Norvegia, e i suoi colleghi. La dieta FODMAP viene infatti in genere utilizzata in caso di IBS e le persone celiache nel 38% dei casi anche seguendo una dieta priva di glutine hanno problemi gastro-intestinali.

Van Megan e colleghi hanno cercato di valutare l’efficacia di una dieta moderatamente bassa di oligo-, di-, monosaccaridi e polioli (FODMAP), insieme a una dieta rigorosamente priva di glutine, sui sintomi gastrointestinali persistenti, sulla salute e sull’affaticamento specifici del CeD, rispetto a solo con una dieta senza glutine.

In uno studio randomizzato e controllato, i ricercatori hanno incluso 70 adulti con celiachia provata da biopsia e sintomi gastrointestinali persistenti, definiti da un punteggio della versione Gastrointestinal Symptom Rating Scale-IBS (GSRS-IBS) maggiore o uguale a 30.

Questi pazienti aderivano alla dieta senza glutine per almeno 12 mesi e avevano remissione sierologica e mucosale. I pazienti sono stati randomizzati al gruppo di intervento sulla dieta low FODMAP o al gruppo di controllo della dieta priva di glutine. Il punteggio GSRS-IBS è stato registrato al basale e alle settimane da 1 a 4 e l’indice dei sintomi celiaci (CSI) è stato registrato al basale e alla settimana 4.

L’assunzione di FODMAP durante il periodo di intervento è stata classificata come moderatamente bassa (media 8,1 g/die; IC 95%, 6,7-9,3).

Sebbene i punteggi totali GSRS-IBS tra il gruppo di intervento e il gruppo di controllo fossero simili al basale (39 contro 36,8, rispettivamente), differivano significativamente dopo la settimana 1 (29,5 contro 36,3, rispettivamente) e persistevano fino alla settimana 4 (27,1 contro 36,1, rispettivamente).
Anche i punteggi CSI erano significativamente più bassi nel gruppo di intervento alla settimana 4 rispetto al gruppo di controllo (31,9 vs 37,1, rispettivamente), così come le registrazioni di dolore, gonfiore, diarrea e sazietà (p=0,04). Tuttavia, non sono stati osservati punteggi significativamente più bassi per la stitichezza.

“Una dieta a basso contenuto di FODMAP dovrebbe essere presa in considerazione per l’implementazione nella pratica clinica per la gestione dei sintomi persistenti nella malattia celiaca”, hanno concluso Van Megan e colleghi. “Tuttavia, i pazienti con celiachia seguono già una dieta restrittiva e ulteriori restrizioni dietetiche possono aumentare il carico di malattia limitando la variabilità alimentare e rendendo estremamente difficile mangiare fuori casa”.

Riferimenti

Frida van Megen et al., A low FODMAP diet reduces symptoms in treated celiac patients with ongoing symptoms – a randomized controlled trial Clin Gastroenterol Hepatol. 2022 Jan 17;S1542-3565(22)00034-9. doi: 10.1016/j.cgh.2022.01.011. leggi

Exit mobile version