Site icon Corriere Nazionale

Sarcoidosi cutanea: tofacitinib si conferma efficace

Tumori dell'ovaio e della prostata: l'Agenzia italiana del farmaco approva Olaparib, capostipite della classe dei PARP inibitori

Sarcoidosi cutanea: tofacitinib riduce di oltre l’80% l’attività della malattia come mostrato dai risultati di un piccolo studio presentati all’Inflammatory Skin Disease Summit (ISDS)

I pazienti con sarcoidosi di vecchia data e coinvolgimento della pelle hanno ottenuto un deciso miglioramento dell’attività della malattia dopo 6 mesi di trattamento con il JAK inibitore tofacitinib, come mostrato dai risultati di un piccolo studio presentati all’Inflammatory Skin Disease Summit (ISDS) 2021.

L’attività della malattia è diminuita in media dell’82,7% in 10 pazienti, sei dei quali hanno avuto una completa risoluzione clinica dell’infiammazione. Il miglioramento è stato evidente entro 30 giorni e ha continuato a crescere durante il trattamento.

L’imaging e i risultati di laboratorio hanno mostrato un miglioramento nel coinvolgimento degli organi interni e dei cambiamenti nei marcatori molecolari correlati al miglioramento della pelle, ha riferito al congresso William Damsky della Yale School of Medicine di New Haven, nel Connecticut.

«I pazienti in genere sono entrati in terapia con regimi immunosoppressivi combinati, anche se alcuni non erano sottoposti ad alcun trattamento» ha affermato. «Tutti i pazienti sono migliorati e sono stati in grado di interrompere o ridurre significativamente la loro terapia immunosoppressiva di base. Abbiamo visto una riduzione media dell’attività della sarcoidosi cutanea di circa l’80% e sei pazienti hanno raggiunto una completa assenza di lesioni cutanee alla fine dello studio».

«Tutti hanno completato lo studio, tofacitinib è stato ben tollerato e non ci sono stati effetti avversi» ha aggiunto. «C’è un grande bisogno di trattamenti migliori del prednisone e il nostro studio ha dimostrato che l’inibizione della Janus chinasi sembra essere un trattamento altamente efficace. Sembra davvero che gli studi randomizzati e controllati non solo siano giustificati, ma debbano definire ulteriormente la sua efficacia».

Una patologia quasi senza opzioni terapeutiche
La sarcoidosi è una condizione infiammatoria sistemica che coinvolge l’attivazione delle cellule T e può colpire quasi tutti gli organi del corpo, anche se polmoni e linfonodi sono i distretti più spesso interessati. Circa un terzo dei pazienti presenta manifestazioni cutanee e, occasionalmente, la pelle è l’unico sito coinvolto. L’unica terapia approvata dalla Fda è il prednisone, ma il suo uso è limitato ai pazienti con coinvolgimento polmonare. Per la sarcoidosi cutanea non ci sono invece terapie approvate. La patogenesi della malattia coinvolge più citochine regolate attraverso le vie JAK/STAT, spingendo a ipotizzare che l’inibizione della JAK possa essere un trattamento efficace per la condizione.

Damsky ha riportato un caso clinico in cui è stato utilizzato tofacitinib per una paziente di sesso femminile, di 48 anni, con una sarcoidosi di vecchia data con ampio coinvolgimento cutaneo e mancanza di risposta a terapie multiple che includevano metotrexato e un inibitore del fattore di necrosi tumorale (TNF).

«La paziente ha avuto una risposta davvero notevole a tofacitinib, al punto che dopo alcuni mesi l’unico segno rimasto era l’iperpigmentazione post-infiammatoria» ha spiegato. «La biopsia ha mostrato che i granulomi di sarcoidosi ben definiti al basale sono spariti con la terapia. Abbiamo trattato altri pazienti con tofacitinib off-label e abbiamo avuto risposte altrettanto notevoli».

Una revisione della letteratura ha rivelato più case report sull’uso di tofacitinib per il trattamento della sarcoidosi e l’insieme delle evidenze ha portato a una valutazione prospettica dell’impiego del JAK inibitore in pazienti con sarcoidosi cutanea.

Un piccolo trial in aperto
Lo studio in aperto ha coinvolto 10 pazienti, nove dei quali con malattia attiva degli organi interni. Avevano un’età compresa tra 53 e 63 anni e la durata della sarcoidosi variava da 1 a 31 anni. Erano tutti in trattamento con metotrexato e prednisone al momento dell’arruolamento e alcuni ricevevano anche infliximab, idrossiclorochina o azatioprina.

Sono stati trattati con tofacitinib 5 mg due volte al giorno per 6 mesi. L’outcome primario era la variazione del Cutaneous Sarcoidosis Activity and Morphology Instrument (CSAMI). Alla fine dello studio i pazienti potevano continuare, ridurre o interrompere la terapia immunosoppressiva concomitante.

Lo CSAMI al basale variava da 20 a circa 60. Dopo 6 mesi si era ridotto in media dell’82,7% e sei pazienti avevano una risoluzione completa della malattia cutanea.

Il lavoro di laboratorio ha implicato più citochine nella patogenesi della sarcoidosi, ha detto Damsky. Gli studi hanno portato a un’ipotesi di lavoro secondo cui l’interferone gamma è il fattore chiave del processo della malattia, il che è coerente con gli effetti noti di tofacitinib. TNF-alfa e interleuchina-6 sembrano essere molecole di segnalazione secondarie.

Bibliografia

Damsky W, et al. Treatment of sarcoidosis with cutaneous involvement with tofacitinib: Results of an open-label clinical trial with mechanistic insight” ISDS 2021; Abstract 46.

Exit mobile version