Site icon Corriere Nazionale

Volontariato: i primi 30 anni della legge 266

volontariato

La legge 266 compie 30 anni: nel 1991 veniva varato il provvedimento che portò per la prima volta le associazioni a diventare parte attiva della trasformazione sociale avviata nel Paese

“La Repubblica Italiana riconosce il valore sociale e la funzione dell’attività di volontariato come espressione di partecipazione e pluralismo, ne promuove lo sviluppo salvaguardandone l’autonomia e ne favorisce l’apporto originale per il conseguimento delle finalità di carattere sociale, civile e culturale”.

Recita così uno stralcio dell’art.1 della legge quadro sul volontariatoLa legge n°266 che, trent’anni fa, venne approvata e che, per la prima volta nella storia del nostro Paeseconferì alle associazioni la possibilità di diventare parte attiva della trasformazione sociale avviata.

La data è quella dell’11 agosto 1991. Un giorno che, nei fatti, sancì il volontariato come “necessità” della società. E il periodo in cui viene varato questo provvedimento è tutt’altro che semplice. La classe politica italiana, in quella fase, non è ancora così consapevole della necessità di applicare un sistema di welfare in cui le associazioni avrebbero fatto registrare uno sviluppo sempre crescente. Di lì a poco sarebbe scoppiato lo scandalo di Tangentopoli che, nei fatti, avrebbe fatto calare il sipario sulla cosiddetta “Prima Repubblica”. La società, e la politica in primis, si mostra divisa sui sistemi di assistenza che in questa fase venivano garantiti ad esempio alle persone tossicodipendenti (gli anni a cavallo tra l’80 e il ’90 sono quelli in cui Vincenzo Muccioli e San Patrignano tengono banco su più tavoli) e, nonostante l’istituzione nel 1978 del Sistema Sanitario Nazionale, a livello parlamentare le perplessità su una “fusione” tra volontariato e politiche sociali sono sempre più forti.

Tuttavia, la larga approvazione che la legge trova alla Camera (382 voti a favore su 385 presenti) segna il punto di incontro che serviva tra le aree progressiste e riformiste che occupavano le poltrone di Montecitorio e consacra il volontariato come necessità e manifestazione pluralistica. La legge 266 diventa l’apripista di un periodo di riforme in questo ambito fornendo un prezioso contributo alla riorganizzazione di quello che qualche anno dopo avremmo iniziato a definire Terzo Settore. Il 4 dicembre 1997, infatti, venne approvato il dl n°460 del 4/12/1997 (Riordino della disciplina tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale) che introduce la figura delle Onlus per poi arrivare al 3 luglio 2017 con il dl n°117noto come Codice del Terzo Settore, un provvedimento che abrogò la stessa legge 266.

Se oggi AVIS e tante altre associazioni possono guardare con fiducia all’introduzione del RUNTS (il Registro Unico Nazionale del Terzo Settore) è proprio grazie ai passi in avanti che, da quell’11 agosto 1991, sono stati compiuti per riconoscere il volontariato come un valore imprescindibile tanto da candidarlo all’UNESCO come “bene immateriale” dell’umanità.

Exit mobile version