Site icon Corriere Nazionale

Covid: 94% dei pazienti oncologici sviluppa anticorpi

La maggior parte dei pazienti sottoposti a chemioterapia o immunoterapia per tumori solidi ha sviluppato risposta immunitaria adeguata dopo due dosi di vaccino mRNA

Covid-19: il vaccino è efficace sul 94% dei pazienti oncologici che riescono a sviluppare anticorpi secondo uno studio pubblicato su Cancer Cell

In uno studio realizzato da Stati Uniti e Svizzera, è emerso che quasi tutti i pazienti con il cancro sviluppano una buona risposta immunitaria ai vaccini a mRNA anti-COVID-19 da tre a quattro settimane dopo la seconda dose, ma il fatto che piccoli gruppi di pazienti non producano risposte solleva dubbi su come risolvere il problema della loro protezione contro il virus.

Tra i 131 pazienti esaminati, il 94% ha sviluppato gli anticorpi contro il coronavirus. Sette pazienti a rischio elevato non li hanno sviluppati. “Non abbiamo rilevato anticorpi contro il virus in quei pazienti,” ha affermato la dott.ssa Dimpy P. Shah, del Mays Cancer Center, sede del UT Health San Antonio MD Anderson. “Questo ha implicazioni per il futuro. Dobbiamo somministrare una terza dose di vaccino al termine della terapia oncologica in alcuni pazienti a rischio elevato?”.

La dott.ssa Shah è autore dello studio, pubblicato sulla rivista di grande impatto scientifico Cancer Cell. I co-autori fanno parte del Mays Cancer Center e dell’Università di Ginevra.

“Con altri vaccini e infezioni i pazienti oncologici hanno dimostrato di non sviluppare una risposta immunitaria forte come quella della popolazione generale,” continua il co-autore senior dello studio Ruben Mesa, direttore esecutivo del Mays Cancer Center. “Ha pertanto senso ipotizzare che alcuni gruppi di pazienti a rischio elevato non sviluppino alcuna risposta immunitaria al vaccino anti-COVID-19.”

“I pazienti con tumori ematologici, come mieloma e linfoma di Hodgkin, hanno mostrato di avere meno probabilità di rispondere alla vaccinazione, rispetto a quelli con tumori solidi,” ha dichiarato il dott. Pankil K. Shah, del Mays Cancer Center, co-autore principale dello studio insieme a Alfredo Addeo, oncologo senior del Geneva University Hospital.

Tra i gruppi a rischio elevato, i pazienti trattati con rituximab entro sei mesi dalla vaccinazione non hanno sviluppato anticorpi. Rituximab è un anticorpo monoclonale utilizzato nel trattamento dei tumori ematologici e delle malattie autoimmuni.

I pazienti in trattamento con chemioterapia citotossica hanno sviluppato una risposta anticorpale, ma in sordina rispetto alla popolazione generale. “Non sappiamo ancora come questo si colleghi alla protezione contro il COVID-19,” ha affermato la dott.ssa Dimpy Shah.

La variante Delta e le altre varianti del virus COVID-19 non sono state prese in esame nello studio. Il gruppo di studio inoltre non ha analizzato, nei pazienti oncologici, la risposta delle cellule T e B che combattono l’infezione.

L’età media dei partecipanti allo studio era di 63 anni. La maggior parte dei pazienti (106) presentava tumori solidi rispetto a tumori ematologici (25). La popolazione dello studio era formata per l’80% da bianchi non ispanici, per il 18% da ispanici e per il 2% da neri.

“Raccomandiamo che i prossimi studi vengano effettuati anche sui pazienti neri, asiatici e ispanici, per verificare se ci sono risposte immunitarie diverse alla vaccinazione,” ha precisato il dott. Mesa.

“Nei Paesi in cui mancano le vaccinazioni si dice che una dose possa conferire un’adeguata protezione, ma non è vero nel caso dei pazienti oncologici”, ha affermato la dott.ssa Dimpy Shah.

“Abbiamo osservato una differenza significativa nelle risposte dopo due dosi,” ha continuato. “Almeno per i pazienti con il cancro, due dosi sono importanti per ottenere una buona risposta anticorpale.”

Il dott. Pankil Shah ha sottolineato che lo studio è unico perché, a differenza di alcune sperimentazioni realizzate nel passato che hanno analizzato la risposta immunitaria nel giorno della seconda dose o a sette giorni dalla sua somministrazione, questo studio ha atteso 3 o 4 settimane per misurare i risultati.

I pazienti con tumori a rischio elevato, in modo particolare quelli trattati con anticorpi anti-CD20, dovrebbero continuare ad assumere precauzioni anche dopo la vaccinazione, suggerisce lo studio. “E’ necessario che siano consapevoli che potrebbero essere a rischio, perché il loro organismo non ha risposto alla vaccinazione,” ha concluso il dott. Pankil Shah.

FONTE: AIOM

Exit mobile version