Site icon Corriere Nazionale

Sclerosi multipla: Biogen acquista orelabrutinib

Sclerosi multipla, lipossine diroximel fumarato

Sclerosi multipla: Biogen ha stretto un accordo con la cinese InnoCare Pharma per orelabrutinib, molecola orale inibitore della tirosin-chinasi di Bruton (BTKi)

Biogen ha stretto una partnership con l’azienda biofarmaceutica cinese InnoCare Pharma per sviluppare un trattamento per la sclerosi multipla. L’accordo di licenza e collaborazione è incentrato su orelabrutinib, una piccola molecola orale inibitore della tirosin-chinasi di Bruton (BTKi) caratterizzata dalla sua alta selettività e dalla capacità di attraversare la barriera emato-encefalica. Attualmente, gli studi clinici su orelabrutinib sono in fase 2 di sperimentazione su pazienti con SM recidivante-remittente.

Biogen pagherà 125 milioni di dollari in anticipo. <avrà anche l’impegno fino a 812,5 milioni di dollari in potenziali pagamenti commerciali e pietre miliari di sviluppo se la partnership dovesse produrre pietre miliari commerciali e centrare le soglie di vendita. InnoCare può anche ricevere royalties graduali sulle possibili vendite nette future di qualsiasi prodotto derivante da questa collaborazione. L’accordo è considerato ufficialmente chiuso in attesa delle approvazioni normative.

La molecola ha la capacità di inibire BTKi, che è responsabile della cascata di segnalazione dei mieloidi, delle cellule B e di altre cellule immunitarie. Poiché orelabrutinib può attraversare la barriera emato encefalica, può avere la capacità di inibire le cellule immunitarie nel sistema nervoso centrale (SNC), quindi potenzialmente rallentare, se non contrastare, la progressione in tutte le forme di sclerosi multipla.

“Data la natura complessa e cronica della SM, crediamo che le caratteristiche uniche di orelabrutinib, combinando alta selettività e penetranza del SNC, possano tradursi in potenziali vantaggi clinici rispetto ad altri programmi BTKi. Siamo concentrati sullo sviluppo di approcci di nuova generazione che speriamo di migliorare i risultati per coloro che vivono con forme progressive e recidivanti di MS” ha dichiarato Alfred Sandrock, a capo della ricerca e sviluppo di Biogen.

Secondo i termini dell’accordo, Biogen otterrà i diritti esclusivi su orelabrutinib nel campo globale della SM e di alcune condizioni autoimmuni al di fuori di Cina, Taiwan, Macao e Hong Kong. InnoCare manterrà i suoi diritti esclusivi mondiali per lo stesso nel campo dell’oncologia e di alcune malattie autoimmuni all’interno della Cina.

“Siamo entusiasti del potenziale di orelabrutinib per il trattamento dei pazienti con tutte le forme di SM, dato il potenziale profilo di efficacia e sicurezza, oltre a un promettente livello di penetrazione della barriera emato-encefalica. Gli inibitori BTK possono avere il potenziale di trasformare il paradigma di trattamento delle malattie autoimmuni, in particolare della SM” ha detto Jasmine Cui, co-fondatore, presidente e amministratore delegato di InnoCare.

Exit mobile version