Site icon Corriere Nazionale

Alzheimer: Eli Lilly chiede approvazione veloce per donanemab

Fibrillazione atriale: nessuna particolare protezione aggiuntiva dalla demenza per i pazienti che assumevano anticoagulanti orali diretti (DOAC) invece del warfarin

Eli Lilly ha annunciato che nel corso di quest’anno prevede di cercare di ottenere l’approvazione accelerata della Fda per donanemab nella malattia di Alzheimer

Eli Lilly ha fatto sapere che più avanti nel corso di quest’anno prevede di cercare di ottenere l’approvazione accelerata della Fda per donanemab nella malattia di Alzheimer, dopo aver ricevuto lo status di terapia breakthrough per la terapia anticorpale.

La decisione arriva poco dopo che l’agenzia ha concesso l’approvazione accelerata all’anticorpo anti-amiloide Aduhelm (aducanumab) di Biogen ed Eisai per il trattamento della malattia di Alzheimer.

Donanemab ha come obiettivo una forma modificata di beta amiloide chiamata N3pG.

Secondo Eli Lilly, il deposito sarà basato sullo studio di fase II TRAILBLAZER-ALZ, che ha studiato la terapia in pazienti con malattia di Alzheimer sintomatica precoce. I risultati dello studio presentati all’inizio di quest’anno alla conferenza Alzheimer & Parkinson Diseases (AD/PD) hanno mostrato che donanemab ha rallentato significativamente la progressione della malattia rispetto al placebo, riducendo anche la placca amiloide.

I risultati dello studio di fase 2, pubblicati su The New England Journal of Medicine, mostrano che il farmaco di Lilly ha ridotto drasticamente la placca amiloide nel cervello dei partecipanti allo studio. Entro 76 settimane, la fine dello studio, circa il 68% dei 131 pazienti che avevano ricevuto donanemab sono stati considerati negativi per l’amiloide nel cervello.

I ricercatori hanno anche osservato un declino cognitivo e funzionale più lento, come misurato da una scala di valutazione, tra i pazienti trattati con donanemab. I risultati sono stati incoraggianti, ma alcuni esperti hanno messo in discussione l’entità del beneficio.

I dati pubblicati in NEJM hanno anche mostrato che il trattamento con donanemab non ha raggiunto diversi obiettivi secondari dello studio, anche se le piccole dimensioni dello studio hanno reso questo più difficile da fare.

Con l’approvazione accelerata, tuttavia, Lilly non ha bisogno di prove conclusive donanemab porta a un significativo beneficio clinico, solo che i suoi effetti sono ragionevolmente probabile prevedere un eventuale miglioramento. Il chiaro impatto del farmaco sull’amiloide, a seguito dell’accettazione da parte della FDA della riduzione dell’amiloide come marker surrogato per l’efficacia di Aduhelm, potrebbe essere sufficiente per l’agenzia ad accettare di rivedere il farmaco.

“Pensiamo che avrebbe zero senso per la FDA di approvare Aduhelm, ma non donanemab,” ha scritto Brian Skorney, un analista di Baird che è stato critico dei dati a sostegno di Aduhelm, in una nota agli investitori giovedì.

Lilly ha già iniziato uno studio di fase 3 di donanemab  – TRAILBLAZER-ALZ 2- che potrebbe dare risultati entro la metà del 2023 e, se il farmaco dovesse essere approvato, potenzialmente servire come studio di conferma. Biogen non ha ancora iniziato uno studio di conferma richiesto di Aduhelm. Lo studio di fase III è progettato per reclutare 1500 pazienti con malattia di Alzheimer sintomatica precoce e dovrebbe essere completato nel 2023.

Skorney sostiene che l’approvazione accelerata di Aduhelm e la decisione di Lilly di chiedere lo stesso potrebbero “essere l’inizio di una tendenza più ampia” che potrebbe vedere altri farmaci mirati all’amiloide presentati all’agenzia. Roche, per esempio, sta ancora sviluppando un trattamento che aveva precedentemente fallito in studi in fase avanzata.

Nel frattempo, la casa farmaceutica giapponese Eisai e Biogen hanno annunciato che la FDA ha concesso una designazione Breakthrough Therapy per lecanemab, un altro anticorpo amiloide sviluppato attraverso la loro partnership. Mentre non hanno detto se avrebbero cercato un’approvazione accelerata basata sui dati che già disponibili, i risultati di uno studio di fase 3 del farmaco sono attesi entro il prossimo autunno.

Exit mobile version