Site icon Corriere Nazionale

Criptovalute: Gemini Green mira a ridurre l’impronta di carbonio

Gemini Green è una nuova iniziativa lanciata da Gemini, una piattaforma di scambio, per compensare le emissioni di carbonio.

Come poter diventare un trader criptovalute di successo?

Gemini Green è una nuova iniziativa lanciata da Gemini, una piattaforma di scambio, per compensare le emissioni di carbonio.

Gemini Green ha donato $ 4 milioni per aiutare a pagare i permessi per quasi 350.000 tonnellate di carbonio.

Il Problema Ambientale

Il registro pubblico di Bitcoin è decentralizzato. Ciò significa che non è controllato o mantenuto da alcuna autorità. Invece, il registro pubblico di Bitcoin è gestito da una rete composta da computer situati in tutto il mondo e gestiti da “minatori”.

Usano computer appositamente costruiti per risolvere problemi matematici complessi al fine di consentire il completamento delle transazioni. Questo è l’unico modo per creare nuovi bitcoin. In cambio, vengono ricompensati con una piccola percentuale dei Bitcoin che sono stati scambiati.

L’attrattiva del mining di Bitcoin ha portato ad un aumento del consumo energetico della rete di Bitcoin.

Poiché il mining può generare un flusso costante di entrate, i minatori hanno visto un aumento del numero di coloro che sono disposti a utilizzare macchine assetate di potere per realizzare piccoli profitti da ogni transazione Bitcoin che approvano.

La rete Bitcoin Consuma Più Energia Ora Rispetto Alla Maggior Parte Dei Paesi.

Le aziende e le istituzioni sono alla ricerca di modi per rendere le criptovalute più ecologiche man mano che le preoccupazioni energetiche crescono intorno alla criptovaluta.

Gemini sta lavorando per ridurre l’impronta di carbonio delle sue partecipazioni in bitcoin. Il lancio di Gemini Green è stato annunciato oggi dalla piattaforma Crypto Gemini. Questa iniziativa a lungo termine mira a promuovere un comportamento consapevole del clima nel suo modello di business. Gemini ha unito le forze con Climate Vault con sede a Chicago per raggiungere questo obiettivo.

Questo passo avanti potrà essere di ispirazione per tutte le migliori piattaforme di trading, come Bitcoin Code, per cominciare a muoversi in una direzione più ecologica.

Tutti i soggetti coinvolti vedono questo come un primo importante passo nel viaggio di Gemini per decarbonizzare la criptovaluta. Climate Vault attualmente lavora con circa due dozzine di aziende per compensare le loro impronte di carbonio.

Michael Greenstone, co-fondatore di Climate Vault, ha dichiarato che intende “eliminare completamente le preoccupazioni ambientali che circondano bitcoin in un modo che non si vede in nessun altro settore”.

Secondo il comunicato stampa “Questi permessi di carbonio compensano l’energia non rinnovabile consumata dai minatori della rete Bitcoin per proteggere i bitcoin custoditi da Gemini”.

Gemini Trust è stata fondata da Cameron, Tyler Winklevoss e ha donato circa $ 4 milioni, e continueranno a lavorare per garantire che l’energia rinnovabile rimanga una parte della rete bitcoin.

Tyler Winklevoss è l’amministratore delegato di Gemini e ha espresso il desiderio di trovare un’opzione più pulita che permetta alle generazioni future di prosperare.

Poiché il bitcoin diventa un’importante riserva di valore, è imperativo includere la sostenibilità per le generazioni future. Siamo orgogliosi di aver collaborato con Climate Vault per compensare le nostre esposizioni ai minatori non rinnovabili e per contribuire alla decarbonizzazione del bitcoin.” Winklevoss ha concluso i suoi pensieri dicendo: “Vogliamo un mondo migliore”. essere sostenibile nel nostro viaggio verso quella visione.

L’industria Delle Criptovalute Fatica a Rimanere Verde

Questa iniziativa è stata annunciata in un momento in cui molti sono sempre più preoccupati per l’impatto ambientale della criptovaluta. Ci sono state molte preoccupazioni di recente sulla quantità di energia utilizzata dalle operazioni di mining di bitcoin a livello globale.

La ricerca ha dimostrato che bitcoin consumerebbe più energia se fosse il proprio paese rispetto a paesi come il Venezuela o la Svezia.

Alcuni paesi, come la Cina, sono così preoccupati per gli effetti negativi che il mining di criptovalute ha sulla loro economia, che hanno vietato la pratica. Elon Musk e altri hanno affermato che Tesla non accetterà più pagamenti in bitcoin fino a quando non abbraccerà l’energia rinnovabile.

Questi annunci hanno fatto precipitare drasticamente i prezzi dei bitcoin e hanno anche evidenziato i problemi ambientali che circondano la criptovaluta.

Il comunicato afferma inoltre che sono state acquistate compensazioni e che $ 1 milione è stato assegnato tramite il Gemini Opportunity Fund, che supporta progetti e organizzazioni non profit che lavorano per la sostenibilità delle criptovalute.

Exit mobile version