Site icon Corriere Nazionale

Farmaci per la pressione sempre efficaci negli adulti

Diabete di tipo 2: epfeglenatide, agonista del recettore del GLP-1 basato su exendina-4, riduce eventi cardiovascolari e progressione di malattia renale

Studio rileva che i farmaci per abbassare la pressione sanguigna sono sempre efficaci negli adulti, indipendentemente dal livello iniziale

Pubblicato su The Lancet lo studio più dettagliato mai condotto fino ad oggi su questa specifica condizione clinica, che include 345.000 persone provenienti da 48 studi clinici randomizzati, rileva che i farmaci per abbassare la pressione sanguigna sono sempre efficaci negli adulti, indipendentemente dal livello di pressione sanguigna iniziale.

Ogni riduzione di 5 mmHg della pressione sistolica ha abbassato il rischio relativo di eventi cardiovascolari di circa il 10%, anche nelle persone con pressione normale e in quelle che non avevano mai avuto un infarto o un ictus.

Gli autori chiedono che le linee guida globali siano modificate in modo che chiunque abbia un aumentato rischio di malattie cardiovascolari sia considerato eleggibile a ricevere farmaci per abbassare la pressione sanguigna, indipendentemente dalla loro pressione sanguigna iniziale.

Lo studio ha trovato gli effetti benefici del trattamento erano simili indipendentemente dal livello di pressione sanguigna iniziale, sia  in persone che avevano precedentemente avuto un attacco di cuore o ictus e in quelli che non avevano mai avuto malattie cardiache.

Gli autori dicono che i risultati hanno implicazioni immediate e importanti per le linee guida cliniche globali che in genere limitano il trattamento per abbassare la pressione sanguigna agli individui con pressione alta (di solito sopra 140/90 mmHg).

“I nostri risultati sono di grande importanza per il dibattito riguardante il trattamento della pressione sanguigna”, dice l’autore principale Kazem Rahimi, professore all’Università di Oxford, Regno Unito. “Questa nuova e migliore evidenza ci dice che le decisioni di prescrivere farmaci per la pressione sanguigna non dovrebbe essere basate semplicemente su una precedente diagnosi di malattia cardiovascolare o il livello di pressione sanguigna di un individuo. Invece, i farmaci dovrebbero essere visti come uno strumento efficace per prevenire le malattie cardiovascolari nelle persone ad alto rischio di sviluppare malattie cardiache o ictus. Le linee guida cliniche dovrebbero essere cambiate per riflettere questi risultati”.

Egli avverte: “Non stiamo dicendo che tutti devono iniziare il trattamento. La decisione dipenderà dai fattori di rischio di un individuo per sviluppare la malattia cardiovascolare, il potenziale di effetti collaterali e la scelta del paziente.”

Le malattie cardiache e l’ictus, legati alla pressione alta, sono la principale causa di morte nella maggior parte del mondo occidentale. È ampiamente accettato che i farmaci per la pressione sanguigna proteggono le persone che hanno avuto un precedente infarto o ictus dall’averne un secondo, ma l’uso di questi farmaci in persone con pressione sanguigna normale o leggermente elevata è stato discusso.

Finora, gli studi che hanno esaminato se i farmaci per abbassare la pressione sanguigna sono ugualmente benefici in persone con e senza una storia di malattia cardiovascolare, e a livelli di pressione sanguigna più bassi di quelli attualmente considerati per il trattamento (in genere 140/90 mmHg o superiore) hanno riportato risultati contrastanti. Questo ha portato a raccomandazioni di trattamento contraddittorie in tutto il mondo.

Per l’analisi attuale, i collaboratori del trattamento di abbassamento della pressione sanguigna hanno riunito i dati da 344.716 adulti (età media 65 anni) in 48 studi randomizzati (il gold standard per valutare l’efficacia dei trattamenti) per esplorare gli effetti dei farmaci per abbassare la pressione sanguigna. I partecipanti sono stati separati in due gruppi: quelli con una precedente diagnosi di malattia cardiovascolare (157.728 partecipanti – gruppo prevenzione secondaria) e quelli senza (186.988 – gruppo prevenzione primaria, senza malattia cardiovascolare).

Ogni gruppo è stato poi diviso in sette sottogruppi basati sui livelli di pressione sanguigna sistolica all’ingresso dello studio (meno di 120, 120-129, 130-139, 140-149, 150-159, 160-169, 170 e oltre mmHg). Circa il 20% (31.239) dei partecipanti con precedenti malattie cardiovascolari e l’8% (14.928) di coloro che non avevano mai avuto malattie cardiovascolari avevano una pressione sanguigna sistolica normale o alto-normale all’inizio degli studi (pressione sanguigna sistolica inferiore a 130 mmHg).

Su una media di quattro anni di follow-up, 42.324 partecipanti hanno avuto almeno un evento cardiovascolare maggiore (attacco cardiaco, ictus, insufficienza cardiaca o morte per malattia cardiovascolare). Per ogni 5 mmHg di riduzione della pressione sistolica, il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari maggiori è diminuito di circa il 10% (18.287 vs 24.037 malattie cardiovascolari maggiori nei gruppi di intervento e di confronto, rispettivamente), ictus del 13% (6.005 vs 7.767), insufficienza cardiaca del 13% (3.249 vs 4.584), malattia cardiaca ischemica del 8% (8.307 vs 11.145), e morte per malattia cardiovascolare del 5% (4.825 vs 6.110).
Gli effetti benefici del trattamento non differivano in base alla storia di malattie cardiovascolari o al livello di pressione sanguigna all’ingresso dello studio.

“È importante che le persone siano considerate per il trattamento di riduzione della pressione sanguigna in base al loro rischio cardiovascolare, piuttosto che concentrarsi sulla pressione sanguigna stessa come un fattore qualificante per o obiettivo del trattamento”, dice il co-autore Zeinab Bidel dell’Università di Oxford, Regno Unito. “Dobbiamo fornire linee guida a tutto tondo per abbassare i rischi di malattie cardiovascolari che includono l’esercizio fisico, la nutrizione, la cessazione del fumo e – se del caso – i farmaci.”

Lo studio ha alcune limitazioni tra cui il fatto che ha indagato solo l’impatto della pressione sanguigna iniziale e la malattia cardiovascolare precedente sugli effetti del trattamento, quindi i risultati non possono essere generalizzati ad altre caratteristiche dei pazienti che non abbiamo incluso nella nostra analisi. Inoltre, non sono stati specificamente esaminati gli effetti sulle malattie diverse dalle principali malattie cardiovascolari, compresi i potenziali effetti collaterali del trattamento.

Exit mobile version