Corriere Nazionale

Anestesia generale per il cesareo aumenta rischio depressione

Le donne nate con parto cesareo corrono un rischio maggiore di sviluppare obesità e diabete di tipo 2 da adulte rispetto a quelle nate con parto vaginale

Secondo uno studio pubblicato su Anesthesia and Analgesia l’anestesia generale per il parto cesareo sarebbe associata al rischio di depressione post-operatoria

Secondo uno studio pubblicato su Anesthesia and Analgesia, l’anestesia generale per il parto cesareo è stata associata a maggiori probabilità di depressione postpartum grave (PPD) che richiede il ricovero in ospedale, così come ideazione suicidaria e autolesionismo.

Una ricerca ha indicato che rispetto all’anestesia regionale, l’anestesia generale è collegata ad un aumento del rischio di disturbi depressivi postoperatori. Tuttavia, questa relazione non era chiara nel parto cesareo fino a poco tempo fa.

Secondo agli autori, i risultati preliminari di questo studio di coorte esplorativo e retrospettivo hanno ribadito la necessità di evitare l’uso dell’anestesia generale per il parto quando possibile e di supportare la fornitura di screening della salute mentale, consulenza e altri servizi di follow-up ai pazienti ostetrici a cui viene somministrata anestesia generale.

“I disturbi dell’umore postoperatori sono un’area poco studiata nella ricerca in ambito anestesiologico e probabilmente meritano ulteriori indagini”, ha detto Jean Guglielminotti, autore principale dello studio e anestesista presso il Dipartimento di Anestesiologia della Columbia University Vagelos College of Physicians and Surgeons, a New York City.

I ricercatori hanno estratto le cartelle cliniche elettroniche relative ai parto cesareo avvenuti tra gennaio 2006 e dicembre 2013, con i seguenti criteri di esclusione: pazienti sottoposti a più di un parto cesareo durante il periodo di studio, pazienti che vivono al di fuori dello stato di New York e pazienti che ricevevano un anestetico generale per altri interventi chirurgici/parto nell’anno precedente o successivo al caso selezionato.

L’endpoint primario era l’incidenza della PPD, gli endpoint secondari includevano misure composite di ideazione suicidaria o lesioni autoinflitte, disturbi d’ansia e disturbo da stress post-traumatico (PTSD). Gli autori hanno registrato esiti primari e secondari per un anno dopo il parto.

Lo studio ha accumulato 428.204 casi, con l’8% dei casi che hanno coinvolto l’anestesia generale.
Nel complesso, una grave PPD è stata osservata in 1.158 donne, di cui il 60% è stato diagnosticato durante la riammissione ospedaliera. La diagnosi mediana di PPD grave si è verificata a 164 giorni dopo la dimissione dal parto; e rispetto all’anestesia neuroassiale, l’anestesia generale nel parto cesareo era correlata a un aumento del 54% del rischio di PPD. In particolare, l’anestesia generale non era significativamente correlata con disturbi d’ansia o PTSD.

Guglielminotti ha ipotizzato che i meccanismi alla base della relazione tra anestesia generale e depressione potessero essere multifattoriali e variare da paziente a paziente.

“Pensiamo che possano essere più legati alle conseguenze dell’anestetico generale che agli agenti anestetici di per sé”, ha detto Guglielminotti. “Ad esempio, l’anestesia generale per il parto cesareo porta a un primo contatto pelle a pelle ritardato tra la madre e il bambino, un primo tentativo di allattamento ritardato e un aumento del rischio di dolore postoperatorio persistente. Tutti questi fattori sono stati associati al rischio di depressione postpartum “.

I risultati dello studio concordano anche con le linee guida pratiche 2016 dell’American Society of Anesthesiologists per l’anestesia ostetrica, che indicano che l’uso di tecniche neurassiali è preferito all’anestesia generale per la maggior parte dei parti cesarei.

Sebbene non siano state osservate associazioni tra anestesia generale e disturbi d’ansia o PTSD, Guglielminotti prevede ulteriori ricerche sull’argomento.

“Un argomento emergente in ostetricia è il rischio di disturbi da stress post-traumatico dopo il parto. Potrebbe essere interessante esaminare l’associazione tra la modalità di anestesia (anestesia generale vs. anestesia regionale) e il rischio di disturbi da stress post-traumatico “, ha detto.

In un’intervista separata, Stephanie Lim, professoressa e clinico presso il Dipartimento di Anestesia della UCSF School of Medicine, ha suggerito che potrebbero esserci diversi fattori di confusione per questa associazione.

“La maggior parte dei parti cesarei emergenti ha buoni risultati. Tuttavia, alcuni bambini vengono ammessi all’unità di terapia intensiva neonatale con insulti temporanei o insulti semipermanenti al cervello “, ha evidenziato Lim.

“Pertanto, quei ricoveri in terapia intensiva neonatale possono essere associati a senso di colpa materno, ansia, disturbo da stress post-traumatico e spesso ideazione suicidaria. Argomenti simili possono essere applicati a pazienti con molte comorbidità che non possono ricevere l’anestesia generale. I pazienti possono avere ansia/depressione di base a causa delle loro condizioni mediche o circostanze di vita”.

Riferimenti

Guglielminotti J. et al Exposure to General Anesthesia for Cesarean Delivery and Odds of Severe Postpartum Depression Requiring Hospitalization Anesth Analg . 2020 Nov;131(5):1421-1429. doi: 10.1213/ANE.0000000000004663. leggi

Exit mobile version