Site icon Corriere Nazionale

Fusione lombare: un protocollo per ridurre oppioidi

Fratture vertebrali, in soccorso arriva la cifoplastica: il trattamento mini-invasivo in anestesia locale consente un recupero veloce

Dolore in seguito a fusione lombare: grazie a un protocollo viene ridotto significativamente il consumo totale di oppioidi

Secondo uno studio retrospettivo, le fusioni lombari eseguite in un ambiente ospedaliero con un protocollo di recupero dopo l’intervento chirurgico (ERAS) migliorato utilizzando metadone per via endovenosa (ev) invece della tradizionale analgesia controllata dal paziente (PCA) hanno ridotto significativamente il consumo totale di oppioidi. I risultati di questo lavoro sono stati accettati come pubblicazione poster all’Annual meeting of the American Society for Enhanced Recovery (ASER) cancellato a causa della pandemia da coronavirus.

I dischi intervertebrali servono per attenuare gli urti alla colonna, proteggendo le vertebre, il midollo spinale e le altre strutture. Tuttavia, a volte può succedere che questi dischi degenerino e si assottiglino, consentendo così alle vertebre di avvicinarsi l’una all’altra, con conseguente schiacciamento dei nervi che fuoriescono fra una vertebra e l’altra. Nei casi più gravi si effettua un intervento di fusione spinale o lombare in cui i dischi intervertebrali vengono asportati e sostituiti con osso prelevato dalla pelvi.

Questo intervento, utilizzando innesti ossei e strumenti come piastre metalliche e viti, è volto a stabilizzare la colonna vertebrale e ad alleviare il dolore provocato dalla stenosi spinale, riaprendo il canale vertebrale e liberando i nervi dalla condizione compressiva.

Il recupero dopo chirurgia vertebrale non è immediato, la guarigione e l’attenuazione del dolore cervicale o alla schiena avvengono in modo graduale.
“I risultati del nostro studio preliminare sono promettenti”, ha affermato Richard Easton, ricercatore principale e capo della chirurgia ortopedica presso Beaumont Health, a Troy, Michigan. “L’applicazione ERAS ad altre specialità non spinali è stata a lungo associata a risultati migliori. Non vedo alcun motivo per cui la chirurgia della colonna vertebrale sarebbe diversa. ”

Spinto dalla crisi degli oppioidi, lo studio è stato condotto presso Beaumont Health, un ospedale comunitario da 520 posti letto con una media di 1.800 casi di chirurgia della colonna vertebrale all’anno. L’obiettivo era ridurre al minimo l’uso di oppioidi senza sacrificare il comfort e la sicurezza del paziente.

Confrontando l’MME totale medio prima e dopo l’implementazione del protocollo ERAS, i ricercatori hanno riscontrato una riduzione di quasi il 40% nel consumo totale di oppioidi in pazienti ospedalizzati (579,4 e 347,9 MME, rispettivamente).
I pazienti trattati prima del protocollo ERAS (n=54) sono stati sottoposti a fusione della colonna lombare tra gennaio e giugno 2018 e i pazienti con ERAS (n=55) sono stati sottoposti alla procedura tra luglio e dicembre 2018.

Lo studio su 109 pazienti consecutivi escludeva quelli che erano stati programmati ma non erano stati sottoposti a chirurgia di fusione lombare o non avevano ricevuto né PCA né metadone ev.
Entrambi i gruppi erano simili per età, sesso, indice di massa corporea, punteggio dello stato fisico ASA e intervento chirurgico.

Per l’analgesia multimodale, i due gruppi hanno ricevuto infiltrazione di anestetico locale prima della chiusura della ferita, oppioidi e altri farmaci aggiuntivi non oppioidi.
I pazienti pre-ERAS sono stati trattati con un oppioide tradizionale a breve durata d’azione tramite una pompa PCA, mentre i pazienti ERAS senza controindicazione hanno ricevuto metadone ev (0,1-0,2 mg kg per il peso corporeo ideale) durante l’intervento.

“Quando somministrato in dosi ripetute, il metadone rimane nel fegato e in altri tessuti, prolungando così la sua azione e tossicità”, ha detto Easton. “Tuttavia, la corretta selezione del paziente e il monitoraggio post-dose sono estremamente importanti.”

Lo studio ha rilevato che il consumo supplementare di oppioidi con PCA rappresentava il 40% del consumo totale dei pazienti ricoverati, rispetto al 27% con metadone ev.

Per ridurre ulteriormente l’uso di oppioidi con un protocollo ERAS, Easton ha raccomandato un’educazione completa del paziente sulla gestione preoperatoria del dolore. Secondo l’autore, si dovrebbe parlare al paziente di: scala del dolore, analgesia multimodale, misure antidolorifiche non farmacologiche ed educazione agli oppioidi.

“Prechirurgia, forniamo materiale cartaceo e video che i pazienti e le famiglie possono rivedere a casa”, ha detto Easton, che è anche il presidente del Michigan Orthopaedic & Spine Surgeons, a Rochester Hills.

Exit mobile version