Corriere Nazionale

Angioedema ereditario: meno farmaci con berotralstat

Diabete: inibitori SGLT2 sicuri per i reni

Berotralstat potrebbe ridurre l’impiego di farmaci al bisogno nei pazienti affetti da angioedema ereditatio sottoposti a trattamento pregresso di terapie profilattiche

Berotralstat potrebbe ridurre l’impiego di farmaci al bisogno nei pazienti affetti da angioedema ereditatio (HAE) sottoposti a trattamento pregresso di terapie profilattiche. Lo dimostrano i risultati di uno studio presentato nel corso dell’edizione 2021 (virtuale) del congresso dell’American Academy o Allergy, Asthma and Immunology (1).

Questi risultati corroborano il recente parere positivo del Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell’Agenzia europea per i medicinali (Ema), che raccomanda l’approvazione di berotralstat per la prevenzione di routine degli attacchi ricorrenti di angioedema ereditario (HAE) in pazienti adulti e adolescenti a partire dai 12 anni di età (2).

Se approvato, il farmaco sarà la prima terapia orale in monosomministrazione giornaliera disponibile nell’Unione Europea per trattare i pazienti con HAE prevenendo attacchi ricorrenti.

Razionale e disegno dello studio
L’angioedema ereditario (HAE) è una rara malattia ereditaria, caratterizzata dalla comparsa di gonfiori (edemi) della cute, delle mucose e degli organi interni, che possono essere anche fatali in alcuni casi. Alla base del disturbo vi è un difetto genetico che provoca la carenza (HAE di tipo 1) o un non funzionamento (HAE di tipo 2) di C1 esterasi-inibitore (C1-INH), una proteina che ha funzione regolatrice di due sistemi di importanza vitale per l’organismo: il sistema di contatto della coagulazione e il sistema del complemento della difesa immunitaria.

L’obiettivo della profilassi di HAE consiste nel minimizzare il numero di attacchi di angioedema e il carico di malattia associato, prevedendo il trattamento con farmaci al bisogno.

Berotralstat è un inibitore orale selettivo della callicreina plasmatica che si è dimostrato efficace nel ridurre la frequenza degli attacchi in un trial di fase 3.

Nella prima parte di questo trial in doppio cieco, controllato vs.placebo, i ricercatori hanno valutato la riduzione dell’impiego di farmaci al bisogno, randomizzando i pazienti al trattamento con berotralstat 150 mg (n=40) o a placebo (n=40) per 24 settimane in monosomministrazione giornaliera.

Nell’analisi post-hoc presentata al Congresso, i pazienti sono stati raggruppati in base al trattamento profilattico ricevuto nei 3 gruppi seguenti:
– Trattamento pregresso con C1-INH
– Trattamento pregresso con androgeni
– Assenza di trattamento pregresso

Risultati principali
Dall’analisi è emerso che, nei pazienti sottoposti a trattamento profilattico pregresso con C1-INH (berotralstat 150 mg, n=21; placebo, n=16), il tasso d’impiego di terapia al bisogno si è ridotto in modo significativo rispetto al placebo (-59,2%, P =0,002).

Riduzioni di entità simile sono state documentate nei pazienti sottoposti a trattamento profilattico pregresso con androgeni (berotralstat 150 mg, n=22; placebo, n=25; -51,8%; P =0,004) e nei pazienti non sottoposti a trattamento profilattico (berotralstat 150 mg, n=10; placebo, n=10; -71,2%; P =0,019).

Il tasso di riduzione corrispondeva, approssimativamente, ad un impiego ridotto di 2,2 volte di farmaci al bisogno al mese rispetto al placebo nei pazienti con impiego pregresso di C1-INH.
Nei pazienti con impiego pregresso di androgeni, il loro impiego al bisogno si è ridotto di 1,6 volte al mese rispetto al placebo.
Nei pazienti con assenza di trattamento pregresso, il loro impiego al bisogno si è ridotto 1,4 volte al mese.

In conclusione, il trattamento profilattico con berotralstat 150 mg si è accompagnato a riduzioni significative dell’impiego di farmaci al bisogno rispetto al placebo, indipendentemente dal trattamento profilattico pregresso utilizzato.

Bibliografia
1) Gower R et al. Berotralstat reduces use of on-demand medication in hereditary angioedema (HAE) patients previously treated with prophylactic therapies. Presented at: the American Academy of Allergy, Asthma & Immunology (AAAAI) Virtual Annual Meeting; February 26-March 1, 2021. Abstract 465.
Leggi

Exit mobile version