Corriere Nazionale

Melanoma: immunoterapia protegge dal Covid

Melanoma, la prevenzione salva la vita: al via la campagna "Oltre la pelle. La prevenzione al centro" che permette di porre domande a dermatologi e oncologi

I pazienti con melanoma in trattamento immunoterapico si sono ammalati meno di Covid uno studio italiano pubblicato sulla rivista “Seminars in Oncology”

I pazienti trattati con l’immunoterapia per melanoma avanzato si sono ammalati meno di Covid-19 rispetto al resto della popolazione italiana e agli altri malati di cancro: lo ha verificato uno studio italiano, pubblicato sulla rivista “Seminars in Oncology” dall’Istituto Europeo di Oncologia (Ieo) di Milano e dalla Città della Salute e della Scienza di Torino.

“Su 169 pazienti con melanoma in stadio III e IV, trattati prevalentemente con nivolumab, pembrolizumab e ipilimumab tra gennaio e aprile 2020, solo uno è risultato positivo al virus Sars-CoV-2, peraltro senza avere alcun sintomo”, sottolinea Paola Queirolo (Direttore Divisione Melanoma, Sarcoma e Tumori rari all’Istituto Europeo di Oncologia di Milano e coordinatrice dello studio). Un risultato importantissimo, secondo l’esperta, “perché dimostra che questi malati non devono rinunciare all’immunoterapia a causa del virus. Non c’è ragione di sospendere né di rimandare questa cura salvavita, tanto più ora che i centri oncologici specializzati si sono riorganizzati in modalità Covid-safe”.

Finora c’era incertezza sugli effetti dell’immunoterapia nell’ambito Covid-19, perché si ipotizzava o che aumentasse la fase di iperattività immunitaria indotta dal virus o che stimolasse il controllo immunologico delle infezioni virali. “Noi abbiamo dimostrato questa seconda ipotesi – prosegue Queirolo – oltre che nei pazienti con melanoma metastatico, anche in quelli con carcinoma squamocellulare cutaneo”.

Un altro studio, sempre coordinato dallo Ieo e pubblicato sulla rivista “Therapeutic Advances in Medical Oncology”, ha analizzato i dati di 54 pazienti di 5 centri di riferimento nazionali, che non hanno interrotto l’immunoterapia se non in casi particolari. Dell’intero gruppo sono risultati positivi al Covid solo due pazienti, entrambi con gravi malattie concomitanti. “Il messaggio è di non sospendere le cure, se non in accordo con il proprio oncologo – conclude Queirolo -. Stiamo iniziando a vedere i temuti effetti della sospensione dei trattamenti oncologici durante la pandemia. Per il melanoma nella prima metà dello scorso anno le diagnosi sono diminuite del 30%. Significa un aumento del 30% di casi che arriveranno in fase metastatica”.

Exit mobile version