Corriere Nazionale

Dieta senza glutine: dieci regole da seguire a tavola

Celiachia in continua crescita: stop al glutine per 200 mila italiani. Lombardia, Lazio e Campania le regioni più interessate

Aumentano i celiaci nel nostro Paese

La dieta senza glutine non è una moda, bensì l’unica terapia possibile per chi soffre di celiachia: ecco le 10 regole da seguire

Negli ultimi anni gli scaffali dei supermercati si sono riempiti di prodotti dalla scritta “Gluten Free”. Spesso li troviamo insieme ai cibi vegani e biologici e sono andati ad ampliare il mercato del “free from”. Tuttavia la dieta senza glutine non è una moda, bensì l’unica terapia possibile per chi soffre di celiachia, per evitare complicanze e mantenere uno stato di benessere.

Ma che cos’è la Celiachia?

La celiachia è una alterazione del piccolo intestino che interferisce con l’assorbimento dei diversi nutrienti.

Le persone affette da celiachia sono intolleranti al glutine, proteina che si trova in frumento, segale e orzo e in tutti i loro derivati. Tuttavia, perché il glutine, una volta ingerito, danneggi attraverso un meccanismo immunologico la mucosa intestinale, occorre che il soggetto sia predisposto geneticamente. Fattori genetici e fattori ambientali concorrono quindi nel determinare questa situazione patologica.

Chi soffre di celiachia tende a basare la propria alimentazione su cibi confezionati, in genere poveri di fibra, minerali e fitocomplessi (antiossidanti), ma ricchi di zuccheri semplici, grassi e additivi.

Per evitare di avere una dieta poco corretta è quindi necessario tenere a mente poche e semplici regole. Ne parla la Dr.ssa Leda Roncoroni, biologa e nutrizionista del Policlinico di Milano.

  1. Associare ad ogni pasto principale alimenti confezionati ed alimenti freschi come latte, yogurt (preferire per i primi 6 mesi dalla diagnosi prodotti privi di lattosio, mentre successivamente reintrodurli liberamente), frutta e verdura.

  2. Creare varietà nella dieta.

  3. Avere un buon apporto di frutta e verdura (preferibilmente di stagione) in modo da raggiungere il fabbisogno di fibra.

  4. Effettuare massima variabilità nell’utilizzo dei cereali permessi.

  5. Utilizzare la frutta secca e semi come fonte di grassi buoni.

  6. Aumentare l’utilizzo dei legumi, vanno sempre associati nello stesso pasto ai cereali (pasta, riso). Sono una valida alternativa di carne, pesce, uova e formaggi.

  7. Mangiare più pesce.

  8. Ridurre l’assunzione di carne e preferire quella bianca (pollo, coniglio, tacchino, vitello, manzo magro, maiale magro).

  9. Preferire i grassi vegetali come l’olio extravergine di oliva.

  10. Fare un uso moderato di dolci.

Per avere una dieta sana è importante imparare a fare largo uso di alimenti naturalmente privi di glutine:

Exit mobile version