Corriere Nazionale

Dieta mediterranea aiuta a perdere grasso intraepatico

dieta mediterranea rapporto istat longevità

La perdita di grasso intraepatico raddoppia con la dieta mediterranea arricchita con polifenoli secondo i risultati di un nuovo studio

Seguire una dieta mediterranea arricchita con lenticchia d’acqua Mankai ricca di proteine, tè verde e noci e con quantità limitate di carne rossa e lavorata potrebbe raddoppiare la perdita di grasso intraepatico e ridurre la steatosi epatica non alcolica (NAFLD). Sono i risultati dello studio DIRECT PLUS, pubblicato di recente sulla rivista GUT, che potrebbero suggerire un migliore protocollo dietetico per il trattamento della NAFLD.

«Secondo i risultati dei precedenti studi DIRECT, CASCADE e CENTRAL la dieta mediterranea è superiore ad altri regimi alimentari in termini di riduzione del rischio cardiometabolico, per esempio grazie alla riduzione dei livelli di lipidi nel sangue» ha affermato il primo autore Anat Meir, della Ben-Gurion University of Negev nella città di Beer-Sheva, in Israele. «Nella sperimentazione DIRECT PLUS abbiamo arricchito la dieta mediterranea con polifenoli specifici come quelli della lenticchia d’acqua Mankai, che è ricca di amminoacidi essenziali, noci e tè verde e abbiamo istruito i partecipanti a evitare la carne rossa e lavorata per valutare se è possibile migliorare ulteriormente l’effetto della dieta sui parametri di rischio cardiometabolico».

Confronto fra tre regimi dietetici
Nello studio randomizzato e controllato DIRECT PLUS, della durata di 18 mesi, i ricercatori hanno assegnato in modo casuale 294 partecipanti con obesità/dislipidemia addominale a seguire un certo tipo di dieta, sempre accompagnata da attività fisica:

L’età media dei soggetti arruolati era 51 anni, l’88% erano uomini, l’indice di massa corporea (BMI) medio era 31,3 kg/m2 e la percentuale media di grasso intraepatico era del 10,2%. Il 62% aveva la NAFLD, una condizione colpisce il 25% della popolazione mondiale, che dipende dall’aumento del grasso intraepatico (>5%) ed è associata a livelli elevati di enzimi epatici, resistenza all’insulina, diabete di tipo 2 e rischio cardiovascolare, nonché una ridotta diversità del microbioma intestinale e disbiosi. L’attuale strategia di trattamento basata sull’evidenza consiste in una generale perdita di peso attraverso interventi sullo stile di vita.

La dieta quotidiana per i due gruppi MED comprendeva 28 g di noci, che fornivano ulteriori 440 mg di polifenoli al giorno. Il gruppo green-MED ha anche consumato 3-4 tazze di tè verde e un frullato verde a base di 100 g di cubetti congelati di Mankai che forniva un totale di 1.240 mg di polifenoli.

Riduzione della NAFLD e del grasso intraepatico
Da una prevalenza iniziale del 62%, i tassi di NAFLD sono diminuiti in tutti e tre i gruppi nella misura del 54,8% (HDG), 47,9% (MED) e 31,5% (green-MED). Anche se in entrambi i gruppi MED è stata registrata una moderata perdita di peso, la coorte green-MED ha perso una percentuale di grasso intraepatico (−38,9%) almeno doppia rispetto ai gruppi MED (−19,6%) e HDG (−12,2%).

A 18 mesi, entrambi i gruppi MED avevano livelli plasmatici di polifenoli totali significativamente più alti (0,47 mg/l) rispetto al gruppo HDG (0,35 mg/l), il gruppo green-MED presentava livelli maggiori di naringenina, un flavanone presente negli agrumi e in altri vegetali, e acido 2-5-diidrossibenzoico, un acido fenolico con proprietà antiossidanti.

Secondo gli autori, i polifenoli potrebbero svolgere un ruolo nella riduzione della steatosi epatica prevenendo il danno epatocellulare attraverso diversi possibili meccanismi, tra cui la riduzione della lipogenesi de novo, l’aumento dell’ossidazione degli acidi grassi e la riduzione dello stress ossidativo.

Una maggiore perdita percentuale di grasso intraepatico è stata associata in modo indipendente con un aumento dell’assunzione di Mankai e noci, un minor consumo di carne rossa/lavorata, un miglioramento dei biomarcatori come folati sierici e adipochine/lipidi e variazioni nella composizione del microbioma, che ha avuto un ruolo nell’associazione tra intervento sullo stile di vita e riduzione del grasso nel fegato.

Una dieta utile nella steatosi epatica
Lo studio ha avuto un tasso di aderenza al regime dietetico assegnato dell’89,8% al termine dei 18 mesi. «I partecipanti si sono adattati con facilità alla dieta green-MED, senza problemi riguardo al gusto» ha osservato Meir. «Un limite della ricerca è l’alta percentuale di soggetti maschi reclutati nello stesso posto di lavoro. Riguardo all’età abbiamo osservato una riduzione lievemente superiore del grasso epatico in chi aveva più di 50 anni».

«Nelle persone che hanno una storia di steatosi epatica o di un eccesso di peso nella regione addominale andrebbe considerato questo approccio dietetico, per aiutarle a ridurre il grasso del fegato» ha commentato Fatima Cody Stanford del Massachusetts General Hospital Weight Center di Boston. «Anche se questa dieta può essere leggermente più rigida di quella mediterranea, non è difficile da seguire, ma bisogna avere pazienti disposti ad assumere costantemente tè verde e frullato di Mankai».

«Gli unici problemi che potrebbero sorgere sono legati alle differenze culturali nelle preferenze dietetiche. Questi alimenti potrebbero non essere in linea con quelli previsti in molte culture» ha aggiunto. «L’assunzione della porzione di Mankai potrebbe presentare qualche difficoltà. Non è così facile da reperire in molte parti del mondo ed è piuttosto costosa, con ovvi problemi in caso di utilizzo su larga scala».

Bibliografia

Meir AY et al. Effect of green-Mediterranean diet on intrahepatic fat: the DIRECT PLUS randomised controlled trial. Gut. 2021 Jan 18;gutjnl-2020-323106. 

Leggi

Exit mobile version