Corriere Nazionale

Diverticolite del colon: aggiornate le buone pratiche

Diverticolite del colon, aggiornate le buone pratiche

Diverticolite del colon: aggiornate le buone pratiche dall’AGA, l’associazione americana di riferimento

L’American Gastroenterological Association (AGA) ha aggiornato le buone pratiche per i medici sulla gestione della diverticolite del colon, una malattia dolorosa, imprevedibile e sempre più comune che colpisce 180 americani su 100.000 all’anno.

Con l’incidenza della diverticolite nei soggetti più giovani di età compresa tra 40 e 49 anni in aumento del 132% dal 1980 al 2007, l’AGA ha identificato la diverticolite come un argomento clinico di alta priorità.

L’aggiornamento delinea 14 migliori pratiche, basate su prove di revisioni sistematiche, meta-analisi, studi randomizzati controllati e studi osservazionali. La consulenza spazia ampiamente da questioni di imaging e chirurgia, genetica, dieta e stile di vita e l’uso di farmaci antinfiammatori non steroidei e probiotici.

Mentre la maggior parte dei pazienti non sperimenta mai una perforazione o un ascesso, le recidive non complicate sono comunque un peso per i pazienti, secondo gli autori del documento, un gruppo di esperti guidato da Anne Peery, dell’Università del North Carolina a Chapel Hill.

Spetta ai gastroenterologi alleviare molte di queste preoccupazioni facendo una diagnosi accurata, affrontando le sequele croniche e istruendo i pazienti.
“C’è molta disinformazione sulla diverticolite, per questo sono importanti le buone pratiche, per educare i pazienti sui fattori di rischio, la prognosi e le indicazioni per la chirurgia”, ha precisato Peery in un’intervista.

Gli autori hanno anche precisato che sebbene l’aggiornamento non rappresenti una deviazione importante dalle norme attuali, una delle sezioni importanti delle migliori pratiche (n. 4) mira a sensibilizzare sul fatto che i sintomi cronici sono comuni nei pazienti dopo un episodio di diverticolite e fornisce consigli in merito.

In altri importanti consigli, le sezioni 6 e 7 viene raccomandato l’uso selettivo, piuttosto che di routine, di antibiotici in pazienti immunocompetenti con diverticolite lieve non complicata.
“Anche se questo consiglio è congruente con più linee guida attuali, in pratica questo approccio non è stato ancora adottato negli Stati Uniti”, ha detto Peery. Recenti ricerche hanno sempre più messo in dubbio il beneficio degli antibiotici nei casi non complicati.

Il gruppo AGA ha riconosciuto che l’aggiornamento si basa su prove di qualità da bassa a moderata. Alla domanda se qualcuna delle raccomandazioni potesse essere controversa, Peery ha fatto riferimento alla nuova best practice sull’uso della colonscopia, dato che una neoplasia del colon può assomigliare alla diverticolite vista in una TAC.

Pertanto, il consiglio di best practice n. 2 raccomanda la colonscopia dopo un primo episodio di diverticolite non complicata per escludere una malignità del colon.
Questo test, tuttavia, può essere differito se è stata eseguita una colonscopia di alta qualità recente (entro 1 anno).

L’imaging dovrebbe essere preso in considerazione anche in coloro che non riescono a migliorare con la terapia, sono immunocompromessi, hanno recidive multiple e stanno prendendo in considerazione la chirurgia profilattica per confermare la diagnosi e la posizione della malattia.

Nei pazienti con una storia di diverticolite e sintomi cronici, l’infiammazione in corso deve essere esclusa sia con l’imaging che con l’endoscopia inferiore. Se non c’è evidenza di diverticolite, l’ipersensibilità viscerale deve essere considerata e gestita di conseguenza. Il trattamento antibiotico è consigliato nei pazienti con diverticolite non complicata che presentano comorbidità, sono fragili o presentano sintomi refrattari o vomito.

Tale uso va considerato anche in pazienti con un livello di proteina C reattiva superiore a 140 mg/L o con una conta dei globuli bianchi di base superiore a 15 × 109 cellule per litro.

Il trattamento antibiotico è consigliato nei pazienti con diverticolite complicata o non complicata con una raccolta di liquidi o un segmento più lungo di infiammazione alla TC.

La resezione segmentale elettiva non dovrebbe essere consigliata basandosi sul numero di episodi di diverticolite. La discussione di questa procedura dovrebbe essere personalizzata per valutare la gravità della malattia e le preferenze e i valori del paziente, nonché i rischi, i benefici e la qualità della vita.

Exit mobile version