Site icon Corriere Nazionale

Epilessia: diazepam spray nasale ben tollerato

Diazepam in spray nasale nuova opzione pratica e ben tollerata di salvataggio nell'epilessia di aumentata attività

Diazepam in spray nasale nuova opzione pratica e ben tollerata di salvataggio nell’epilessia di aumentata attività

Il diazepam in formulazione spray nasale, medicinale di salvataggio sperimentale per pazienti con epilessia con attacchi convulsivi o crisi ripetitive acute, ha mostrato un’elevata biodisponibilità e si è dimostrato ben tollerato, è stato riferito all’incontro annuale della American Epilepsy Society. La somministrazione intranasale ha portato a una buona esposizione al diazepam nei pazienti su regimi stabili di farmaci antiepilettici che avevano bisogno di aiuto per controllare gli attacchi di aumentata attività convulsiva.

È quanto ha riferito R. Edward Hogan, della Washington University di St. Louis, primo ricercatore dello studio. Il profilo farmacocinetico del diazepam intranasale era generalmente paragonabile alla somministrazione rettale ma con una minore variabilità tra i pazienti, ha aggiunto.

«La dispensazione intranasale è interessante perché è relativamente facile, soprattutto in un ambiente ambulatoriale» ha detto Hogan. «La forma di trattamento acuto del diazepam disponibile, in questo momento, è somministrata per via rettale, che non è una soluzione ideale».

Inalato insieme a vitamina E e a un agente surfattante
Nel loro studio, Hogan e colleghi hanno esaminato quanto bene il diazepam intranasale venisse assorbito. «Questa preparazione viene data attraverso il naso in una soluzione di vitamina E con un agente chiamato Intravail che agisce come surfattante» ha spiegato.

«Questo lo aiuta ad aderire alla parete del passaggio nasale e apre anche giunzioni strette che consentono al medicinale di attraversare la mucosa nasale ed essere assorbito in modo più efficace». La tecnologia Intravail viene utilizzata anche nello spray nasale sumatriptan approvato per l’emicrania all’inizio di quest’anno.

Analizzate le fasi ictali/peri-ictali e intra-ictali
I ricercatori hanno studiato i pazienti affetti da epilessia sia durante i periodi ictale/peri-ictale (crisi epilettica) che inter-ictale (non convulsioni). I pazienti hanno ricevuto diazepam intranasale in aperto con almeno 14 giorni di washout tra un periodo e l’altro.

L’amministrazione ictale/peri-ictale o inter-ictale poteva essere la prima. In entrambi i periodi è stata somministrata una singola dose di 5, 10, 15 o 20 mg – a seconda del peso del paziente. Una seconda dose è stata ammessa se le convulsioni sono persistite.

In totale, 57 pazienti hanno ricevuto una o più dosi e sono stati inclusi nella popolazione di sicurezza, che era del 54% femminile e dell’81% caucasica. Sono stati studiati sia i bambini che gli adulti; le età variavano da 6 a 59 anni e avevano una media di 28 anni. I dati farmacocinetici erano disponibili per 49 pazienti durante il periodo di campionamento di 6 ore.

«Alla fine, abbiamo scoperto che le concentrazioni di dose in entrambe le situazioni – sia i periodi ictale/peri-ictale che inter-ictale – erano molto simili» ha detto Hogan. Nel complesso, il tempo medio alla concentrazione massima del plasma è stato di circa 2 ore. La concentrazione massima di plasma e l’esposizione nelle prime 6 ore sono state simili sia in condizioni ictale/peri-ictale che inter-ictale.

Mimima variabilità interindividuale di concentrazione plasmatica
La variabilità interindividuale variava dal 53,6% al 59,3%, coerentemente con i rapporti precedenti che mostravano che il farmaco intranasale aveva meno variabilità rispetto al diazepam rettale, ha detto Hogan.

«Nel complesso, questo farmaco è apparso abbastanza ben tollerato» ha aggiunto. «Non abbiamo visto nulla che non ci aspetteremmo di vedere con diazepam». Diciassette pazienti (29,8%) hanno segnalato eventi avversi emergenti dal trattamento (TEAE), più comunemente disgeusia (5,3%), disagio nasale (3,5%), nasofaringite (3,5%) e convulsioni (3,5%)».

Un paziente ha sperimentato due gravi eventi avversi – convulsioni ricorrenti ed encefalopatia statica – che non sono stati ritenuti correlati al trattamento. Non ci sono state segnalazioni post-dose di ideazione suicidaria.

Exit mobile version