Corriere Nazionale

Tumore alla prostata: rischi dalla deprivazione androgenica

La Commissione UE ha approvato un'indicazione aggiuntiva per enzalutamide consentendone l'uso per i pazienti con tumore della prostata sensibile agli ormoni

Tumore alla prostata: la terapia di deprivazione androgenica può compromettere l’idoneità cardiorespiratoria e aumentare il rischio di morte cardiovascolare

La terapia di deprivazione androgenica prolungata (ADT) può compromettere il fitness cardiorespiratorio e aumentare il rischio di morte cardiovascolare nei pazienti con cancro alla prostata ad alto rischio di malattie cardiovascolari, secondo uno studio pubblicato su  JACC: CardioOncology. I risultati contribuiscono a fornire ulteriori dati a sostegno della necessità di monitoraggio delle malattie cardiovascolari (CVD) in pazienti che vivono più a lungo dopo un trattamento oncologico di successo.

Nel corso della vita, a circa 1 uomo su 9 verrà diagnosticato un cancro alla prostata che è la seconda causa di morte per cancro negli Stati Uniti. Inoltre, le malattie cardiovascolari rappresentano una delle principali cause di morte negli uomini che hanno una storia di cancro alla prostata.

La terapia di deprivazione androgenica prolungata con radioterapia è un trattamento primario standard per il cancro alla prostata come alternativa alla chirurgia ed è frequentemente utilizzato in pazienti con tumori metastatici, ricorrenti e localizzati ad alto rischio. L’uso più prolungato dell’ADT in alcuni pazienti con tumore della prostata è sempre più utilizzato a seguito di studi che hanno dimostrato un miglioramento dei risultati del cancro rispetto all’esposizione a breve termine all’ADT. Tuttavia, se l’ADT è associata o meno a un aumento della mortalità CV rimane un punto controverso. Gli autori di questo studio si sono proposti di studiare nei pazienti con cancro alla prostata l’associazione tra l’esposizione alla terapia di deprivazione androgenica prolungata e la mortalità CV e il fitness cardiorespiratorio (CRF), che è un noto predittore indipendente della mortalità CV.

I ricercatori di questo studio hanno valutato 616 pazienti provenienti da un unico centro, coorte retrospettiva che si sono sottoposti a un test da sforzo per indicazioni cliniche una mediana di 4,8 anni dopo la diagnosi di cancro alla prostata. La valutazione del rischio del CV è stata determinata in base alla demografia del paziente, all’indicazione del test da sforzo (come il dolore al petto), all’anamnesi e all’uso di farmaci al momento del test sul tapis roulant. Sono stati esaminati i regimi di trattamento del cancro alla prostata utilizzati prima e dopo il test da sforzo sul tapis roulant.

I ricercatori hanno anche esaminato il trattamento dell’ADT, compresa la terapia utilizzata e la durata dell’esposizione all’ADT prima del test sul tapis roulant. L’esposizione all’ADT è stata classificata come a breve termine (inferiore o uguale a sei mesi) rispetto a quella prolungata (superiore a sei mesi). Il CRF è stato calcolato in base alla velocità e al grado di picco del tapis roulant raggiunto durante il test da sforzo del paziente.

Quasi un quarto dei pazienti (150) ha ricevuto l’ADT prima del test sul tapis roulant, con 51 pazienti esposti all’uso a lungo termine dell’ADT. C’erano 504 pazienti (81,8%) della coorte di studio che avevano due o più fattori di rischio CV, come il diabete mellito e l’ipertensione. La maggior parte dei pazienti con esposizione prolungata all’ADT (92,2%) aveva due o più fattori di rischio CV.

Il tasso di un CRF ridotto era notevolmente più alto tra i pazienti con esposizione all’ADT rispetto a quelli senza trattamento (48,7% contro il 32,6%). L’esposizione prolungata all’ADT era significativamente legata alla riduzione del CRF. L’esposizione a lungo termine all’ADT è stata associata a un aumento di quasi quattro volte del rischio rettificato di mortalità CV.

“Questo studio evidenzia che i pazienti con cancro alla prostata e un elevato rischio di CV al basale sono a rischio aumentato di riduzione della CRF e della mortalità CV se esposti a regimi prolungati di ADT”, ha detto John D. Groarke, cardiologo e autore di questo studio. “Mentre l’ADT prolungata gioca certamente un ruolo nel trattamento del cancro alla prostata, questi risultati sottolineano la necessità di considerare la sorveglianza CV/modifica del rischio durante e dopo l’esposizione all’ADT”.

In un editoriale di accompagnamento, Vivek K. Narayan,  assistente professore di medicina e oncologo medico genitourinario presso l’Abramson Cancer Center presso la University of Pennsylvania in Philadelphia, ha detto “questo studio aggiunge valore alla nostra base di conoscenze cliniche esistenti, ma avverte che ulteriore attenzione alle complicanze cardiovascolari di varia durata di esposizione ADT è fondamentale come evolvono le strategie di trattamento oncologico”.

“Migliorando la nostra comprensione dei fattori correlati al paziente e al trattamento che contribuiscono alla tossicità cardiaca correlata all’ADT, i fornitori di oncologia e cardiologia possono lavorare in collaborazione per utilizzare in modo ottimale le modifiche della terapia e le strategie di mitigazione del rischio cardiovascolare”, ha aggiunto Narayan.

I limiti dello studio includono l’alto rischio di CV di base della coorte di pazienti, che riflette il pregiudizio di selezione; e la dimensione relativamente piccola del campione che può aver limitato la capacità di trovare associazioni indipendenti significative tra l’uso di ADT a breve termine e la riduzione della CRF o della mortalità CV.

Riferimenti

Jingyi Gong, David Payne, Jesse Caron et al. Reduced Cardiorespiratory Fitness and Increased Cardiovascular Mortality After Prolonged Androgen Deprivation Therapy for Prostate Cancer J Am Coll Cardiol CardioOnc. 2020 Nov, 2 (4) 553–563. leggi

Exit mobile version