Site icon Corriere Nazionale

Chirurgia spinale: nuovi dati su uso oppioidi

L'impiego di farmaci per l'osteoporosi prima di un intervento per fusione spinale riduce il rischio di complicanze legate alla malattia

Dolore dopo un intervento di chirurgia spinale: uso di oppioidi post operatorio maggiore nei pazienti che li utilizzavano in precedenza

I pazienti con fusione lombare spinale che usano più equivalenti di morfina totale (TME) nel periodo preoperatorio tenderebbero a usarne di più dopo l’intervento, ma il numero di livelli spinali lombari coinvolti nella chirurgia non influenzerebbe sull’uso postoperatorio di oppioidi, secondo la ricerca presentata virtualmente alla riunione annuale 2020 dell’ American Academy of Orthopaedic Surgeons.

“I pazienti sottoposti a intervento per fusione spinale lombare spesso sperimentano una quantità significativa di dolore postoperatorio. Una delle classi più comuni di farmaci usati per trattare questo dolore sono gli oppioidi “, hanno scritto gli autori.

Lo studio (abstract P0874) era un’analisi di 58 pazienti (35 maschi) con un’età media di 59 anni. Dalle cartelle demografiche, chirurgiche e postoperatorie, la revisione retrospettiva ha incluso pazienti di età superiore ai 18 anni con stenosi lombare e claudicatio neurogena. Sono stati esclusi i pazienti di età inferiore ai 18 anni con fratture lombari, infezioni e tumori e interventi di revisione.

Per i pazienti classificati in cinque livelli operati, con sottocategorie per quelli con e senza fusioni intersomatiche, i ricercatori hanno misurato le TME a 30 giorni prima dell’intervento e uno, tre e sei mesi dopo l’intervento.

I ricercatori hanno scoperto che dopo l’intervento, il gruppo di livello 3 assumeva un dosaggio di oppioidi più elevato rispetto ai livelli 4 o 5 a un mese di follow-up. A tre e sei mesi dall’intervento, le TME sono diminuite in modo significativo in ciascun gruppo, con “TME significativamente più alte in cinque livelli operati” tra i pazienti con fusioni intersomatiche e una “leggera differenza” nelle TME preoperatorie tra quelli senza fusione intersomatica.

La perdita di sangue stimata è aumentata con l’aumentare del numero di livelli fusi. La durata della degenza ospedaliera era più breve tra i pazienti con ” meno livelli operati”.

“Più parti corporee si sottopongono a chirurgia, come l’aggiunta della componente intersomatica, maggiore è il trauma chirurgico e il tempo operatorio”, ha spiegato Michael Y. Wang, professore di neurochirurgia e medicina riabilitativa presso l’ Università di Miami School of Medicine, che non ha preso parte allo studio.

“Questo documento non cambia i modelli di pratica. Coloro che già consumano oppiacei hanno bisogno di una degenza postoperatoria più lunga”, ha detto Wang, che ha notato la piccola dimensione del campione e le variabili incontrollate, limitazioni che hanno reso lo studio” sottodimensionato “.

“La conclusione di questo studio è che i pazienti che prima dell’intervento consumano oppioidi sono più difficili da gestire e hanno più problemi di chi non usa tali farmaci quindi sono dei candidati chirurgici scadenti”, ha detto Wang.

P0874 30th Annual Meeting American Academy of Orthopaedic Surgeons http://meeting.aahks.org/

Exit mobile version