Site icon Corriere Nazionale

Covid: Regeneron blocca arruolamento pazienti gravi

Anticorpi Covid: da Regeneron stop all'arruolamento di pazienti gravemente malati a causa di un profilo rischio-beneficio sfavorevole della terapia

Nei Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell'INFN importante scoperta con l’esperimento XENON1T, impegnato nella ricerca diretta di materia oscura 

Anticorpi Covid: da Regeneron stop all’arruolamento di pazienti gravemente malati a causa di un profilo rischio-beneficio sfavorevole della terapia

Regeneron Pharmaceuticals ha deciso di interrompere l’arruolamento di pazienti con COVID-19 molto malati nello studio sperimentale che valuta il cocktail di anticorpi REGN-COV2, un trattamento precedentemente pubblicizzato come “cura” dal presidente Trump dopo aver ricevuto la terapia sperimentale per la sua infezione da COVID-19 in ottobre.

La decisione di fermare l’arruolamento dei pazienti gravemente malati è stata presa in risposta alle indicazioni di un board indipendente a tutela della sicurezza dello studio che ha trovato un potenziale segnale di sicurezza e un profilo rischio-beneficio sfavorevole della terapia con anticorpi monoclonali in un sottogruppo di pazienti che richiedono ossigeno ad alto flusso o ventilazione meccanica. Questi pazienti sono generalmente più malati e ricoverati in ospedale perché si trovano nelle fasi avanzate della malattia.

La società farmaceutica di Tarrytown, con sede a New York, afferma di non conoscere i dati dello studio, condotto in cieco e quindi non ha fornito dettagli specifici su quale fosse il segnale di sicurezza o in quale gruppo avesse sperimentato l’evento inatteso. La sospensione dell’arruolamento rimarrà in vigore fino a quando il comitato indipendente di monitoraggio dei dati non sarà in grado di raccogliere e valutare ulteriori dati sui pazienti gravemente malati attualmente arruolati nello studio di Regeneron.

Regeneron afferma inoltre di aver informato la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti del segnale di sicurezza e della decisione di sospendere il nuovo arruolamento di pazienti gravemente malati. L’agenzia sta attualmente valutando la terapia per una possibile autorizzazione all’uso d’emergenza (EUA) in pazienti con COVID-19 che sono ad alto rischio di esiti negativi.

Mentre i pazienti con malattia grave saranno esclusi dalla sperimentazione da questo punto in poi, Regeneron continuerà ad arruolare altri tipi di pazienti.

Questi includeranno sia pazienti non ospedalizzati che pazienti ospedalizzati che non necessitano di alcun o minimo livello di ossigeno supplementare.

Secondo le raccomandazioni del consiglio di sicurezza di Regeneron, i pazienti ambulatoriali non saranno interessati dalla sospensione dell’arruolamento, consentendo alla società di continuare a valutare più a lungo la sicurezza e l’efficacia di REGN-COV2 in questa popolazione potenzialmente meno vulnerabile.

REGN-COV2 è anche valutato nello studio RECOVERY nel Regno Unito, che include pazienti ospedalizzati. Un altro studio sta esaminando l’uso di REGN-COV2 come misura profilattica per le persone ad alto rischio di esposizione al COVID-19.

La notizia della sospensione dell’arruolamento segue immediatamente i risultati positivi dello studio in corso di Fase II/III, che mostra come REGN-COV2 abbia ridotto significativamente la carica virale e la necessità di ulteriori cure mediche in 524 pazienti ambulatoriali con COVID-19. Risultati simili in 275 pazienti non ospedalizzati sono stati precedentemente riportati e hanno fornito la speranza che la terapia potesse essere accelerata fino all’approvazione dell’EUA.

Regeneron ha recentemente riferito di avere attualmente dosi sufficienti di REGN-COV2 solo per 50.000 persone. Inoltre, l’azienda afferma di avere una capacità produttiva di appena 50.000 dosi al mese. Poiché il numero attuale di dosi disponibili è insufficiente a soddisfare la domanda, il farmaco anticorpale sarà probabilmente somministrato direttamente come agente preventivo per gli operatori sanitari e i pazienti a rischio, come gli anziani e i pazienti con comorbilità e/o immunosoppressione.

Appena tre giorni prima dell’annuncio dell’arruolamento di Regeneron, Eli Lilly and Company ha dichiarato di aver interrotto anche la sperimentazione clinica della sua terapia anticorpale, LY-CoV555, in pazienti ospedalizzati con COVID-19. LY-CoV555 è un potente anticorpo monoclonale IgG1 neutralizzante e, proprio come il REGN-COV2 di Regeneron. Da allora la terapia è stata considerata improbabile per aiutare i pazienti ospedalizzati con COVID-19 a guarire dalla malattia avanzata.

Lilly sta continuando a studiare la terapia anticorpale in pazienti con COVID-19 da lieve a moderata, così come in pazienti con una malattia ancora meno avanzata. Lilly ha anche richiesto un EUA per LY-CoV555 sulla base di dati che suggeriscono che il cocktail di anticorpi aiuta i pazienti non ospedalizzati.

A differenza di Regeneron, Lilly ha detto di poter fornire centinaia di migliaia di dosi della sua terapia, secondo un accordo con il governo degli Stati Uniti.

Questo accordo da 375 milioni di dollari aiuterà Lilly a fornire fino a 300.000 fiale di LY-CoV555, con la possibilità di acquistare altre 650.000 fiale. I pazienti non dovranno sostenere costi aggiuntivi per il trattamento, se approvato e distribuito.

I farmaci anticorpali ingegnerizzati, che imitano la risposta immunitaria del corpo alle infezioni virali, sono stati visti come un potenziale “ponte” verso un vaccino contro il coronavirus. In teoria, i farmaci potrebbero potenzialmente prevenire lo sviluppo di infezioni da COVID-19, fermare la progressione della malattia o anche contribuire a migliorare i risultati per coloro che sono già molto malati.

Quattro candidati sono ora in fase di test avanzata. I due più avanti, Regeneron ed Eli Lilly, potrebbero essere presto autorizzati per l’uso d’emergenza dalla Fda.

I dati finora disponibili suggeriscono che i farmaci di Regeneron e Lilly potrebbero alleviare i sintomi più rapidamente, ridurre le visite mediche o i ricoveri ospedalieri e aiutare a ridurre i livelli di virus nell’organismo. Se questi dati saranno dimostrati in ulteriori studi, questi farmaci potrebbero essere strumenti fondamentali per alleviare l’onere del sistema sanitario statunitense in un momento in cui i casi di COVID-19 sono in aumento.

Ma il vero beneficio dei farmaci anticorpali rimane poco chiaro. E man mano che si sono accumulati più dati, i loro limiti sono diventati più evidenti, il che potrebbe potenzialmente avere un impatto sulle decisioni normative in corso.

I risultati degli studi di entrambe le aziende indicano che i farmaci anticorpali funzionano al meglio in sottogruppi di pazienti con malattie lievi o moderate che hanno determinati fattori di rischio medico, come alcune condizioni di salute preesistenti. I trattamenti sono apparsi meno utili per le persone appartenenti a quei gruppi il cui sistema immunitario è in grado di montare il proprio attacco contro il virus.

Uno studio di trattamento ambulatoriale con l’anticorpo bamlanivimab di Lilly, pubblicato sul New England Journal of Medicine, ha trovato che la maggior parte dei pazienti, compresi quelli che si sono sottoposti al placebo, ha eliminato il virus dopo 11 giorni. I risultati aggiornati di Regeneron, anche in ambito ambulatoriale, hanno mostrato i livelli di virus ridotti del farmaco della società e le visite mediche correlate al COVID-19, ma non hanno trovato “robuste associazioni” tra il trattamento e l’attenuazione dei sintomi.

Le notizie di venerdì da Regeneron sollevano ulteriori domande sulla capacità dei farmaci anticorpali di aiutare i pazienti COVID-19 che sono già molto malati.

Il farmaco di Lilly, nel frattempo, non viene più utilizzato in uno studio condotto dal Governo Usa su pazienti ospedalizzati. Lo studio è stato sospeso a metà ottobre a causa di potenziali problemi di sicurezza e, sebbene il comitato di supervisione dello studio non abbia rilevato alcun problema, gli investigatori hanno poi stabilito che bamlanivimab non aiutava i pazienti.

Regeneron non ha specificato il problema di sicurezza segnalato dal comitato di sorveglianza dello studio nel suo studio sui pazienti ospedalizzati. I test continueranno solo in due dei quattro gruppi di studio: quelli che non hanno bisogno di supporto respiratorio o, se ne hanno bisogno, solo di ossigeno a basso flusso.

La società ha dichiarato di aver informato la Fda dei suoi risultati, così come gli investigatori che supervisionano il grande studio RECOVERY nel Regno Unito, che sta anche testando il farmaco di Regeneron nei pazienti ospedalizzati.

I farmaci anticorpali COVID-19 potrebbero essere più utili prima nel corso della malattia, quando il trattamento può impedire al virus di infettare le cellule e di replicarsi. Regeneron ha degli studi in corso per testare il suo trattamento anticorpale nelle persone che sono state esposte a contatti domestici infetti e in quelle con una malattia lieve o moderata.

Ma la sperimentazione preventiva non dovrebbe produrre risultati fino al prossimo giugno, secondo il database clinicaltrials.gov. E date le limitate scorte di Regeneron, la necessità di un trattamento prima della progressione della malattia e gli ostacoli logistici della somministrazione di un trattamento infuso, far arrivare il farmaco ai pazienti giusti quando ne hanno bisogno sarebbe una vera sfida.

AstraZeneca e i partner Vir Biotechnology e GlaxoSmithKline hanno anche farmaci anticorpali nei test in fase avanzata. Nessuno dei due ha ancora reso noti i dati di efficacia.

Exit mobile version