Corriere Nazionale

Tumore del polmone, rischia chi soffre di BPCO

Tumore del polmone non a piccole cellule: ok dell’Agenzia Europea del Farmaco per osimertinib come terapia adiuvante per i pazienti positivi alla mutazione di EGFR

Tumore del polmone: rischio aumentato tra chi soffre di BPCO, anche se non fumatore, secondo uno studio di coorte osservazionale pubblicato su Thorax

Le persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), anche non fumatori, hanno un rischio aumentato di sviluppare un tumore del polmone; nei non fumatori con BPCO, inoltre, tale rischio è addirittura superiore rispetto a quello dei fumatori che non hanno la BPCO. Lo evidenzia uno studio di coorte osservazionale pubblicato da poco sulla rivista Thorax.

In particolare, i pazienti con BPCO che non sono mai stati fumatori hanno mostrato in questo studio un rischio di cancro ai polmoni più che doppio (HR aggiustato, 2,67) rispetto agli individui senza BPCO che non avevano mai fumato, che costituivano il gruppo di riferimento.

Nei fumatori senza BPCO, il rischio di sviluppare una neoplasia polmonare è risultato quasi doppio (HR aggiustato, 1,97) rispetto ai non fumatori senza BPCO, ma, come si vede, leggermente inferiore rispetto a quello dei soggetti non fumatori con BPCO.
I soggetti con il rischio più alto di cancro ai polmoni sono risultati quelli con BPCO e fumatori, nei quali il rischio è risultato sei volte maggiore (HR aggiustato, 6,19) rispetto ai non fumatori senza BPCO.

«La BPCO è risultata un forte fattore di rischio indipendente di cancro ai polmoni nei non fumatori, concludono gli autori, guidati da Hye Yun Park, del Samsung Medical Center di Seoul. «Gli studi futuri dovrebbero valutare se i pazienti con BPCO debbano essere candidati per lo screening del cancro del polmone, indipendentemente dal fatto che siano o meno fumatori» suggeriscono i ricercatori coreani.

Per la loro ricerca, Park e i colleghi si sono basati su un’analisi dei dati della National Health Insurance (NHS) National Sample Insurance Cohort relativamente al periodo gennaio 2002-dicembre 2013. «Abbiamo incluso tutti gli uomini e le donne, dai 40 agli 84 anni, sottoposti a almeno un esame di screening sanitario fornito dall’NHS durante il periodo di studio» spiegano gli autori.

Complessivamente, la coorte comprendeva 338.548 persone – uomini e donne – che sono state seguite per una mediana di 7 anni. Nel lasso di tempo considerato, 1834 partecipanti hanno sviluppato un tumore del polmone.

«Dato che la scarsa funzionalità polmonare nei pazienti con BPCO rappresenta spesso un ostacolo al trattamento ottimale del cancro del polmone, per via di un maggior rischio di morbilità correlate al trattamento, il nostro studio suggerisce che la diagnosi precoce del carcinoma polmonare nei pazienti con BPCO può ridurre il rischio di complicanze del trattamento» scrivono Park e i colleghi.

Exit mobile version