Corriere Nazionale

Tonsillectomia: alleviare il dolore è possibile

Tonsillectomia: nella fase post operatoria per lenire il dolore un nuovo studio raccomanda una strategia analgesica multimodale

Tonsillectomia: nella fase post operatoria per lenire il dolore un nuovo studio raccomanda una strategia analgesica multimodale

Una recente revisione sistematica della letteratura pubblicata sul British Journal of Anaesthesia ha evidenziato che il solo desametasone come anche altri analgesici utilizzati in monoterapia forniscono un blando effetto antidolorifico post tonsillectomia in pazienti adulti.

La tonsillectomia è una delle procedure più comuni nell’ambito della chirurgia dell’orecchio, del naso e della gola. Di solito viene eseguito come procedura in day-hospital.

Il dolore intenso può durare diversi giorni dopo la tonsillectomia. Spesso è poco trattato e sono necessarie strategie analgesiche migliori che possano essere tranquillamente utilizzate a casa.
Gli adulti hanno un diverso pattern di dolore rispetto ai bambini; questo è correlato alle diverse indicazioni e tecniche di tonsillectomia.

Negli adulti, l’intervento è di solito eseguito per infezione cronica da tonsille rovinate che richiede dissezione con coagulazione, causando dolore intenso e più duraturo.
Nei bambini, l’indicazione è di solito ipertrofia o infezioni acute ricorrenti con piccoli cambiamenti nei tessuti tonsillari rispetto agli adulti.

L’analgesia multimodale è diventata lo standard di cura nella gestione del dolore postoperatorio. Combinazioni di analgesici con diversi siti o modalità di azione sono comunemente utilizzati per migliorare l’analgesia e ridurre le dosi dei singoli analgesici (in particolare gli oppioidi) e ridurre gli effetti avversi.

Effetti collaterali degli oppioidi, come sedazione e depressione respiratoria, sono particolarmente pericolosi quando l’intervento chirurgico è stato eseguito lungo il tratto respiratorio.
Un gruppo di ricercatori finlandesi ha condotto una revisione sistematica e una meta-analisi sull’efficacia dei farmaci sistemici usati per il dolore post-tonsillectomia in pazienti adulti e adolescenti (13 anni).

Gli studi sono stati identificati attraverso PubMed, la library Cochrane, e ricercando manualmente elenchi di riferimento da studi e articoli di revisione. Sono stati inclusi studi randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo che riportavano l’intensità del dolore o l’uso dell’analgesia di salvataggio.

I dati erano scarsi e il follow-up postoperatorio era breve nella maggior parte degli studi.
I risultati hanno mostrato che 29 studi randomizzati controllati che rappresentano 1816 soggetti hanno soddisfatto i criteri di inclusione. Il tempo di follow-up è stato pari o inferiore alle 24 h in 15 studi, in cui la maggior parte dei partecipanti stava assumendo farmaci antinfiammatori non steroidei.

Tredici studi erano adatti per la meta-analisi. Nell’analisi combinata, il paracetamolo, il desametasone e i gabapentinoidi hanno ridotto l’intensità del dolore il giorno dell’intervento.
In studi individuali, ketoprofene, ibuprofene, lornoxicam, parecoxib, rofecoxib, indometacina e destrometorfano hanno ridotto l’intensità del dolore, la necessità di analgesici di salvataggio o entrambi nel giorno dell’intervento.

Celecoxib orale per 2 settimane postoperatorie o la ketamina i.v. il giorno dell’intervento non erano efficaci alle dosi studiate. Il desametasone in dosi multiple ha fornito analgesia oltre il primo giorno postoperatorio. Il dolore era da moderato a forte in entrambi i gruppi di studio e controllo durante la prima settimana postoperatoria.

In conclusione, singoli analgesici e desametasone forniscono solo un effetto da debole a moderato per il dolore post-tonsillectomia il giorno dell’intervento e pertanto si raccomanda una strategia analgesica multimodale. Gli autori hanno sottolineato anche che brevi tempi di follow-up ed eterogeneità clinica degli studi limitano l’utilità dei risultati.

Exit mobile version