Corriere Nazionale

UNICEF: metà dei giovani migranti a rischio discriminazione

Fuga dall’Africa passando per le Canarie, la nuova rotta fa strage di migranti: le vittime da inizio anno sono 250

UNICEF e AGIA per Giornata Mondiale dell’Infanzia: secondo gli ultimi sondaggi di U-Report on the Move a rischio di discriminazione e sfruttamento circa 3 giovani migranti e rifugiati su 10

Solo un ragazzo su due – tra i giovani migranti e rifugiati intervistati – si sente accettato dai membri della comunità in cui vive. Uno su tre è stato vittima di discriminazione e, tra questi, il 71% a causa del colore della pelle. Il 17% ha dichiarato di essere stato vittima di violenza da quando è in Italia e Il 32% di aver subito violenze verbali. Uno su tre ha risposto di essere stato spinto a fare qualcosa che non voleva e Il 15% dei ragazzi che ha lavorato ha detto di aver svolto un lavoro pericoloso per la sua sicurezza o la salute.

Questi alcuni dei dati che emergono dai sondaggi condotti tramite U-Report on the Move, resi noti dall’UNICEF e dall’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza (AGIA) in occasione della prossima Giornata Mondiale dell’Infanzia (20 novembre). U-Report on the Move è una piattaforma digitale sperimentata dall’UNICEF in oltre 40 Paesi (6 milioni di iscritti), che consente ai giovani migranti e rifugiati che si iscrivono di esprimere la propria opinione, in forma anonima, sulle tematiche per loro più rilevanti.

In Italia, la piattaforma è stata lanciata dall’UNICEF nel 2017 a sostegno dei minorenni migranti e rifugiati e conta 1.078 iscritti/U-reporters. Di questi il 93% sono ragazzi e il 7% ragazze, l’83% ha un’età compresa fra i 15 e i 19 anni, il 7% tra i 25 e i 30, il 4% tra i 20 e i 24, un altro 4% sopra i 31, il 2% tra i 0 e i 14. Le regioni in cui si registra il maggior numero di iscritti sono Sicilia e Calabria, ma il progetto è attivo anche nel Lazio, Piemonte, Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Toscana, Emilia-Romagna, Abruzzo, Molise e Campania. Registrandosi al canale tramite la pagina Facebook, gli iscritti ricevono sondaggi bimestrali e possono a loro volta inviare messaggi quando vogliono condividere questioni che stanno loro particolarmente a cuore.

Da maggio 2018 il progetto si avvale anche della collaborazione dell’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza (AGIA), con la quale è stato stipulato un protocollo per diffondere l’uso di questa piattaforma digitale. L’obiettivo è sondare il livello di conoscenza che i minorenni hanno dei loro diritti e condividere informazioni utili per il loro percorso in Italia.

I risultati del sondaggio

Di seguito alcuni risultati degli ultimi cinque sondaggi di U-Report on the Move dedicati a cinque temi: il diritto alla protezione contro la discriminazione, alla protezione contro ogni forma di violenza e alla protezione contro ogni forma di sfruttamento; l’accesso al lavoro in Italia; la conoscenza del Paese d’accoglienza, le sue regole e usi.

 

Diritto alla protezione contro la discriminazione

 

2. Diritto alla protezione contro ogni forma di violenza

3. Diritto alla protezione contro ogni forma di sfruttamento

4.L’accesso al lavoro in Italia

5. La mia conoscenza dell’Italia, le sue regole e usi

Exit mobile version